Cerca

I rossi fanno il programma del Pd

La Camusso detta l'agenda a Bersani:
"Ci vuole una grande patrimoniale"
e lui resta al servizio della Cgil

"Tassare i patrimoni". E' questa la ricetta della segretaria per rilanciare la crescita. Il Pd prende appunti. Ormai la sterzata "rossa" è inevitabile. Addio a Monti

La Camusso detta l'agenda a Bersani:
"Ci vuole una grande patrimoniale"
e lui resta al servizio della Cgil

Susanna Camusso ormai tiene in pugno Pier Luigi Bersani. La sinistra è tutta spalmata sull'asse rosso. A tenere legato il segretario all'"agenda Camusso" è Nichi Vendola che vuole strappare il Pd a Monti e condurlo a dentro il cortile della Cgil. Al Palalottomatica di Roma, Susanna "la rossa" apre l'assemblea della Cgil e dichiara apertamente la sua ricetta. O meglio la detta a Bersani. "Parlare del lavoro è parlare del pane, è l’unica vera condizione per creare ricchezza nel nostro Paese e nel mondo, è la condizione per uscire dalla crisi". Il segretario attacca il governo Monti: ”Le scelte europee e la loro traduzione italiana hanno aggravato la crisi, non hanno posto le premesse per uscirne. E’ stata sbagliata la premessa: quella del rigore e dell’ossessione del debito pubblico dobbiamo essere netti: non si esce dalla crisi italiana se non c’è un governo che sappia e voglia scegliere, che sappia proporre una via di uscita dalla crisi”. A questo punto dopo aver "sistemato" il loden e il probabile inciucio tra Pd e Prof, la Camusso alza il tiro e ordina a Bersani di fare una patrimoniale: "La prima grande necessità si chiama equità fiscale, una seria progressività della tassazione e una tassa sulle grandi ricchezze, sui patrimoni e sulle rendite finanziarie mobiliari e immobiliari” ha detto la sindacalista. Quello delle tasse è un chiodo fisso per la Cgil e la segretaria richiama l'attenzione sull' evasione fiscale: "Dopo anni di propaganda pro-evasione, il tema deve e può tornare sui giusti binari. Non è riconoscimento e rispetto quel tramestio che caratterizza la campagna elettorale in corso – ha detto – che non distingue i ruoli, che confonde responsabilità, che cerca nemici per non provare a misurarsi sui contenuti, che scarica responsabilità per non ammettere che ha trascurato il Paese”. Ora Bersani sa cosa vuole la sinistra. Quella vera che blocca ogni riforma del mercato del lavoro. Se vuuole tenersi Vendola, nel pacchetto trova pure la Camusso e la Cgil. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gioch

    29 Gennaio 2013 - 14:02

    Il capo coi portaborse.

    Report

    Rispondi

  • miozzapie

    29 Gennaio 2013 - 12:12

    Vorrei puntalizzare proprio sui Sindacati.Mi auguro che quano trovi il tempo di leggerla e perlomeno possa essere publicata questa mia richiesta; Vorrei sapere come mai la Guardia di Finanza non ha mai messo piede nelle sedi dei sindcati, non solo , i sindacati stessi,a quanto pare non rilasciano bilanci o quanto meno la situazione patrimoniali e gli introiti dei tesserati.Insomma vorrei capire come eludono la contabilità e come è possibile.Isomma VORREMMO Più chiarezza sulla monagna di soldi che gestiscono dalle loro entrate e quanti soldi disponibili e comne mai non pagano le tasse come una qualsisi attività.Chiariamo prima questa situazione di sfruttamento sindacale,con la scusa della tutela , questi soldi potrebbero anche essere messi a disposizione dei lavoratori disoccupati ecc.Come mai?Cantano tanto ma lasciano colbecco asciutto

    Report

    Rispondi

  • miozzapie

    29 Gennaio 2013 - 12:12

    Vorrei puntalizzare proprio sui Sindacati.Mi auguro che quano trovi il tempo di leggerla e perlomeno possa essere publicata questa mia richiesta; Vorrei sapere comw mai la Guardia di Finanza non ha mai messo piede nelle sedi dei sindcati, non solo , i sindacati stessi,a quanto pare non rilasciano bilanci o quanto meno la situazione pateimoniali e gli introiti dei tessserti.Insomma vorrei capire come eludono la contabilità ecome è possibile.Isomma VORREMMO Più chiarezza sulla monagna di soldi che gestiscono dalle loro entrate e quanti soldi disponibili e comne mai non pagano le tasse come una qualsisi attività.Chiariamo prima questa situazione di sfruttamento sindacale,c on la scusa della tutela , q

    Report

    Rispondi

  • Oscar1954

    26 Gennaio 2013 - 11:11

    Rispondo a Libero Di Rino La Camusso non è mai stata una partigiana. I partigiani sono una realtà seria. Lei è una buffona che usa o ha usato droghe. La Camusso è sempre stata una parassita del mondo operaio. Non ha mai lavorato in vita sua, prerogativa questa della maggior parte dei Comunisti essendo tale concetto inserito negativamente nel loro DNA sin dalla nascita. Ha sempre rotto i cogl....ni per il gusto di disfare e non per il fare Ha mandato in piazza utili idioti con bandiere rosse a falce e martello per protestare sull'art. 18. Non li ha mandati in piazza a protestare in quanto in Italia non c'è lavoro, contro la chiusura delle attività imprenditoriali, contro l'infamia e le ruberie dei partiti che stritolano l'economia, contro l'aumento dell'età pensionabile e la diminuzione dell'assegno pensionistico che verrà corrisposto dall'INPS al lavoratore al termine di una vita lavorativa. Queste cose per lei contano poco. Volete mettere invece l'art. 18 ? INCAPACE e IDIOTA

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog