Cerca

La rivolzione

Cellulari, addio cambio di gestori

Cellulari, addio cambio di gestori

Fino a un anno fa si passava da un operatore all’altro con molta più facilità. Gli utenti erano spint verso la concorrenza, grazie alle numerose campagne di offerte e promozioni ma adesso – come scrive Repubblica – il mercato ha tirato il freno a meno sulla guerra dei prezzi e sugli investimenti pubblicitari. Il motivo è che le nuove offerte tendono a bloccare gli utenti con contratti che li vincolano fino a 30 mesi. I dati citati sono quelli dell’Autorità garante per le comunicazioni (Agcom) secondo cui nei primi tre mesi dell’anno hanno cambiato operatore (con portabilità del numero) 2,9 milioni di utenti, pari al 6,3% del totale. Questa quota era del 7,8% nel primo trimestre del 2013. E nel secondo trimestre del 2014 il calo della portabilità è anche aumentato. Cristoforo Morandini, esperto del settore presso l’Osservatorio Between, spiega a Repubblica: “Non è che gli utenti sono diventati volentieri più fedeli, la portabilità cala perché conviene meno. E’ finita infatti la guerra dei prezzi che è stata invece per anni feroce e distruttiva per i profitti dei gestori Il 2013 è stato l’anno peggiore nella storia della telefonia mobile secondo quanto dimostrano i dati dell’Osservatorio del Politecnico di Milano: per la prima volta, un calo dei ricavi a doppia cifra percentuale (-14%, contro 4% nel 2012). “Si moltiplicano le offerte con vincoli molto lunghi a restare con uno stesso operatore”, spiega Morandini.


Le tariffe - La novità rispetto al passato sono le tariffe “solo Sim” con gabbia contrattuale. "La compagnia 3 chiede anche fino a 30 mesi di fedeltà per la “All In One” a 20 euro al mese (invece di 30 euro). Stesso vincolo – ricorda Repubblica - (30 mesi) per gli abbonamenti di Vodafone, mentre in quelli di Wind si scende a dodici mesi. La punizione per chi lascia prima è il pagamento del costo di attivazione: 49 euro con 3 Italia, 50 euro con Wind, 20 euro con Vodafone (che però prevede una penale di cento euro in caso di uscita anticipato.  Tim applica vincoli invece solo nelle offerte con smartphone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frabelli

    23 Settembre 2014 - 13:01

    Non è proprio così. Da quando gli operatori hanno offerto insieme al l'abbonamento anche lo smartphone con contratto dati e voce ed sms i tempi si sono allungati. In un modo o nell'altro lo smartphone si deve pagare

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    23 Settembre 2014 - 12:12

    "...ha tirato il freno a meno sulla guerra..." Ed il freno a più, quale è?

    Report

    Rispondi

  • ilsognodiunavit

    23 Settembre 2014 - 11:11

    SPERIAMO smettano di rompere le scatole più volte al giorno e tutti i giorni con telefonate per fare offerte.

    Report

    Rispondi

blog