Cerca

La riforma del fisco

Fisco, per le partite Iva ai minimi imposta al 15%

Fisco, per le partite Iva ai minimi imposta al  15%

Allo studio del governo c’è anche il regime agevolato, tutto il mondo delle partite Iva agevolate. Quelle che, fino ad un massimo di 30mila euro l’anno, potevano usufruire di un regime agevolato del 5 per cento. Una vera e propria rivoluzione quella di cui dà conto il Sole 24 Ore, una rivoluzione che il governo si appresta ad attuare la delega sulla riforma dei regimi fiscali. I regimi saranno tre. Oltre a quello forfettario in cui si ritroveranno i piccoli imprenditori fino a un massimo di 55mila euro di ricavi, la riforma all’esame di via XX settembre prevede poi il regime ordinario e un regime semplificato che si muoverà secondo un principio inedito secondo il nostro sistema fiscale, cioè quello di pagare le imposte solo sui corrispettivi realmente incassati.

Soglie variabili - Saranno quindi introdotte delle soglie di reddito variabili che inciderà sul numero dei contribuenti che potranno rientrare nel nuovo regime con l’aliquota al 15 per cento. La soglia dei ricavi sarò parametrata all’attività svolta secondo la codificazione Atecoi e , invece di una soglia fissa valida indistintamente per tutti i contribuenti, i limiti di ricavi dovranno tener conto di specifici coefficienti di redditività. Al risultato ottenuto il contribuente nel nuove regime agevolato applicherà l’imposta sostitutiva del 15 per ceto. La novità più importante resta l’aliquota del prelievo che sarà triplicata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eroioeros

    04 Ottobre 2014 - 08:08

    ahahahaha meno male che ho chiuso a giugno !!!! affancuuulo

    Report

    Rispondi

  • Boaprince

    30 Settembre 2014 - 07:07

    Un gioco al massacro...affankulo sto paese di merda!

    Report

    Rispondi

  • marco53

    30 Settembre 2014 - 02:02

    Boh, si capisce poco anche dall'articolo, scritto abbastanza male e con molti errori grammaticali. Ma chi ci scrive su questo giornale?

    Report

    Rispondi

  • GIORGIOPEIRE@GMAIL.COM

    GIORGIOPEIRE

    29 Settembre 2014 - 17:05

    La chiamerei riforma del "fiasco", non è così che si riparte. Non hanno ancora capito che più tasse mettono, più diminuisce il lavoro.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog