Cerca

La riforma

Partita iva ai minimi, basta limite di cinque anni

Partita iva ai minimi, basta limite di cinque anni

Cambia il prelievo fiscale per le partite Iva con il regime dei minimi. Non più un'imposta al 5% ma al 15% . Tuttavia, non ci sarà più il limite dei cinque anni e non ci sarà più l'obbligo di compilare glis tudi di settore e inviare al  Fisco le comunicazione per lo spesometro le black list. None progetto di studio del Governo - di cui hà conto il Sole 24 Ore - c'è che l'eliminazione dei vincoli di permanenza attualmente previsti. Il "salto" dall'attuale aliquota del 5% alla più pesante tassazione ordinaria (con un prelievo medio del  30% tra Irpef con addizionali e Irap) potrebbe spingere fuori mercato - come scrive il Sole - quei contribuenti minimi che non sono riusciti a far crescere a sufficienza il proprio giro d'affari. Da una parte  l'aumento dell'imposta, cioè con il "regime forfettizzato" al 15% dall'altro un'eliminazione del limite temporale che darebbe la possibilità all'imprenditore di continuare senza limiti di durata a patto che abbia un reddito inferiore a quello stabilito dalla legge in base al tipo di attibità. In un range che va dai 25 mila ai 55mila euro rispetto all'attuale limite generalizzato di 30mila euro.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pattytranslates

    01 Ottobre 2014 - 16:04

    non si può fare l'editing dei testi, per favore?! "None progetto di studio del Governo - di cui hà conto il Sole 24 Ore - c'è che [...]"

    Report

    Rispondi

  • highlander5649

    30 Settembre 2014 - 18:06

    in italia abbiamo anche noi l'ISIS fiscale . SIGNIFICA MPOSTE SEMPRE IN SALITA! niente da fare sono proprio dei talebani mi scusino i veri talebani ma avete degli imitatori niente male fanno più danni con la carta che con un kalashnikov!

    Report

    Rispondi

blog