Cerca

Massacrati

Manovra, 51 miliardi di tasse: Matteo Renzi colpirà pane, latte e case. E c'è la minaccia Iva

Manovra, 51 miliardi di tasse: Matteo Renzi colpirà pane, latte e case. E c'è la minaccia Iva

È un giochino che ormai procede da quattro anni buoni di finanza pubblica. Dall’ultimo anno del governo Berlusconi in poi: lo fece Giulio Tremonti nel 2011, l’ha ripetuto Mario Monti nel 2012 e visto che non c’è due senza tre, è toccato pure ad Enrico Letta nel 2013. Il giochino è questo: si scrive una supermanovra dettata dall’Europa, ma non si ha voglia né coraggio di presentare ai propri elettori un salasso senza precedenti. Quindi per fare tornare i numeri si infilano molte norme in assoluta libertà, ben sapendo che in gran parte non daranno nessuna entrata o risparmio di spesa reale. Lo sanno bene i ministri dell’Economia italiani, ma ovviamente lo capiscono anche i supercontrollori dell’Ue a cui bisogna chiedere il via libera per ogni manovra economica. Così come finisce il giochino? Con l’inserimento di una clausola di salvaguardia: a fronte di norme-fuffa si mette una copertura vera in caso di fallimento (pressochè certo) delle prime. Scattano sempre l’anno successivo, nella speranza di avere tempo nei 12 mesi di trovare altre soluzioni buone. Nelle ultime tre manovre era previsto in caso di fallimento delle previsioni che scattassero due aumenti delle aliquote Iva e nell’ultima versione il taglio lineare delle detrazioni e deduzioni fiscali.

Il giochino deve essere piaciuto anche a Matteo Renzi, perché ha infilato nella manovra che sta per presentare una superclausola di salvaguardia. Agli italiani presenterà in pompa magna le sue splendide supercazzole. Agli sceriffi della Ue invece dice: «Non state a perdere troppo tempo sul mio libro dei sogni. Perché se tanto non funziona ho una carta di riserva sicura che stangherà gli italiani con nuove tasse per 51,6 miliardi di euro in un triennio». L’avvertimento ai signori che contano è scritto nella nota di aggiornamento al Def appena presentata dal ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan: «Nella legge di Stabilità 2015 è ipotizzata una clausola sulle aliquote Iva e sulle altre imposte indirette per un ammontare di 12,4 miliardi nel 2016 17,8 miliardi nel 2017 e 21,4 miliardi nel 2018. Gli effetti di tale clausola, genererebbero una perdita di Pil pari a 0,7 punti percentuali a fine periodo dovuta da una contrazione complessiva dei consumi e degli investimenti per 1,3 punti percentuali e un aumento del deflatore del Pil di pari importo». Una botta pazzesca sulle tasche degli italiani. Su cui ovviamente il governo minimizza, come se la fuffa fosse quella scritta per gli sceriffi della Ue e la verità invece quella contenuta nelle norme che accarezzano la pancia all’elettorato. «Ma è così», assicura il viceministro dell’Economia, Luigi Casero, che su quella plancia di comando siede ormai da molti anni , attraversando i vari governi, «quando mai sono scattate davvero le clausole di salvaguardia? Qualcuno ha toccato le detrazioni, che per altro sono state sostituite proprio da questa formula che trovate nel Def?». No, la clausola delle detrazioni non è scattata. Ma quella sull’Iva sì, almeno in parte. Un paio di aumentini sono stati rinviati di qualche mese, ma alla fine grazie al giochino ci troviamo con l’aliquota al 22% invece che al 20%. Questo dimostra che ci sono ottime probabilità che quella clausola di salvaguardia possa entrare in vigore, anche perché fin qui di previsioni economiche il governo Renzi non ne ha azzeccata nemmeno mezza, e il terreno è proprio il principale tallone di Achille dell’esecutivo.

Che cosa colpirà quella possibile stangata da 51,6 miliardi di euro? Le aliquote Iva marginali, e cioè quelle al 4% e quelle al 10%, che sono le uniche in grado di fornire incassi notevoli. Rischiano così di rincarare sensibilmente quasi tutti i generi alimentari: latte e latticini, farina, riso, pasta, pane, olio, occhiali da vista, case assegnate dalle cooperative, mense scolastiche (tutti questi sono al 4% oggi), e poi ancora yogurt, birra, uova, miele, tè, spezie, bevande al bar, elettricità, biglietti di cinema, teatro, concerti, servizi di trasporto pubblico (hanno tutti l’Iva al 10%).

Oltre l’Iva secondo quanto scritto nell'aggiornamento del Def si rischia un aumento anche delle imposte indirette. Di che si tratta? Tolta l’Iva che è già citata a parte, le principali imposte indirette vanno a toccare tanto per cambiare il mercato della casa: sono le imposte di registro, quella ipotecaria e quella immobiliare. Nell’elenco ci sono pure le accise, che significa nuovo aumento della benzina. Scatteranno? Qualcuna sì di sicuro. Anche perché c’è un piccolo trucco appena perfezionato che consentirà a chi sta al governo (presumibilmente Renzi) di mettere nuove tasse e poi dire che la pressione fiscale con lui non è aumentata. Il trucco è quello del recente belletto ai conti pubblici fatto per calcolare nel Pil il fatturato delle belle di notte, delle spese in armamenti e dello spaccio di stupefacenti. Con quella manovra (ma nessuno se ne è accorto) sono state cambiate anche le poste dell’entrata e magicamente già nel 2014 (e per gli anni successivi) la pressione fiscale è scesa di 0,3 punti percentuali senza levare nemmeno una tassa...

di Franco Bechis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • beccallipierino

    06 Ottobre 2014 - 19:07

    Questa è la dimostrazione che quello che diceva Montanelli è vero: La sinistra ama così tanto i poveri che ogni volta che va al governo li aumenta di numero....... Renzi OUT......

    Report

    Rispondi

  • Oscar1954

    04 Ottobre 2014 - 12:12

    Godo da impazzire al pensiero che il PD, che per antonomasia i compagni definiscono il partito del popolo (partito delinquenti secondo Grillo), lo stia mettendo nel cul...o al popolo stesso che li ha votati. Loro caviale, champagne e donne belle a iosa. Ai coglioni che li hanno votati, uova sode, acqua e ginnastica con la mano destra (per i mancini con la mano sinistra).

    Report

    Rispondi

  • rocc

    04 Ottobre 2014 - 10:10

    ma siamo pazzi ad aumentare ancora l'Iva con il risultato che le entrate fiscali totali diminuiscono ancora di più? oltre allo strangolamento di imprese, commerci, consumi. Può essere che i nostri governanti a partire da Monti a Letta a Renzi non conoscono la famosa curva di Laffer, per cui dopo un certa imposizione fiscale, da noi superata abbondantemente , le entrate diminuiscono?

    Report

    Rispondi

    • capitanuncino

      04 Ottobre 2014 - 11:11

      Della curva di Lasser o di quella di Gauss se ne sbattono le balle.Quello che a loro interessa e' reperire i soldi da pagare gli interessi sul debito pubblico.Se poi le uscite sono piu' alte delle entrate allora vuol dire che non conoscono nemmeno i conti della masssaia,il che vuol dire una cosa sola:FALLIMENTO.

      Report

      Rispondi

  • FALCONE68

    03 Ottobre 2014 - 23:11

    non capisco a che serviranno queste manovre che peggioreranno ancora la situazione economica del nostro paese. Mi sorge un dubbio !! Siamo in una dittatura dove il nostro governo è obbligato a fare ciò che ci dicono i padroni indipendentemente dalle conseguenze nefaste di queste misure assolutamente negative e demenziali!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog