Cerca

Lavoro, un certificato medico su 3 arriva di lunedì

Lavoro, un  certificato medico su 3 arriva di lunedì

Oltre il 30% dei certificati medici che attestano l’impossibilità di recarsi sul posto di lavoro vengono presentati di lunedì. In pratica un lavoratore
dipendente su 3 si ammala di lunedì, una percentuale molto alta, che rafforza il sospetto che si tratti di una pratica utilizzata per allungare i weekend. La Calabria detiene il record dei giorni medi di malattia all’anno, che sono 34,6 e che salgono addirittura a 41,8 nel settore privato. È quanto emerge da una ricerca effettuata dall’Ufficio studi della Cgia, nel 2012 (ultimo anno in cui i dati sono a disposizione), in cui sono stati 6 milioni i lavoratori dipendenti italiani che hanno registrato almeno un evento di malattia. 

 La malattia - Secondo la Cgia mediamente ciascun lavoratore dipendente italiano si è ammalato 2,23 volte ed è rimasto a casa 17,71 giorni: complessivamente sono stati quasi 106 milioni i giorni di malattia persi durante tutto l’anno. Nel pubblico ci si ammala più spesso, ma mediamente si perdono meno giorni di lavoro che nel settore privato. Sempre nel 2012,i giorni di malattia medi registrati tra i lavoratori del pubblico impiego sono stati 16,72 (con 2,62 eventi per lavoratore), nel settore privato, invece, le assenze per malattia hanno toccato i 18,11 giorni (con un numero medio di eventi per lavoratore uguale a 2,08).  La Cgia sottolinea che la malattia di un lavoratore viene considerata come unico evento anche nel caso di più certificati tra i quali intercorra un intervallo di tempo non superiore a 2 giorni di calendario. Inoltre, viene segnalato che questi dati sono stati estratti dall’Osservatorio sulla certificazione di malattia dei lavoratori dipendenti privati e pubblici dell’Inps, avviato nel 2011. Il motivo della mancanza di una serie storica più lunga deriva dal fatto che la trasmissione telematica dei certificati di malattia da parte dei medici di famiglia è andata a regime nel 2011. 

 

Il fine settimana - Su oltre 13 milioni e 365mila eventi di malattia registrati due anni fa, oltre 4 milioni (pari al 30,7 per cento del totale) sono stati denunciati a inizio settimana. "I dati - spiega Giuseppe Bortolussi, segretario della Cgia - vanno letti con grande attenzione. Sarebbe ingiusto e sbagliato strumentalizzare alcuni risultati che emergono da questa ricerca. Al netto dei casi limite, le nostre imprese possono contare sull’affidabilità di impiegati e operai che sono considerati tra i migliori lavoratori al mondo". Dunque, perché i lavoratori dipendenti si ammalano soprattutto di lunedì?  "Nel fine settimana - secondo Bortolussi - si concentrano le attività conviviali e quelle legate al tempo libero. Con l’avvento della crisi, inoltre, sono sempre di più coloro che per risparmiare eseguono piccoli lavori di manutenzione nel proprio giardino o nell’abitazione in cui vivono. Iniziative che, in qualche modo, contribuiscono ad aumentare gli acciacchi degli italiani. Tenendo conto che molti medici di base il sabato e la domenica non svolgono la normale attività ambulatoriale, l’elevato numero di certificati che si riscontra al lunedì è in gran parte riconducibile a queste situazioni".

A livello territoriale «spiccano» i risultati della Calabria. A causa delle precarie condizioni di salute, nel 2012 ogni lavoratore dipendente calabro è rimasto a casa mediamente 34,6 giorni. La media sale addirittura a 41,8 nel settore privato. Tra i lavoratori dipendenti più «cagionevoli» troviamo anche i siciliani (con 19,9 giorni medi di malattia all’anno), i campani (con 19,4) e i pugliesi (con 18,8). Gli operai e gli impiegati più «robusti», invece, li troviamo a Nordest. Se i lavoratori dipendenti dell’Emilia Romagna rimangono a casa mediamente 16,3 giorni all’anno, in Veneto le assenze per malattia scendono a 15,5 per toccare il punto più basso nel Trentino Alto Adige, con 15,3 giorni.

Ovviamente, i lavoratori anziani sono più a rischio dei giovani. Dalla rilevazione emerge che le assenze aumentano in misura corrispondente al crescere dell’età. Se fino a 29 anni il numero medio di giorni di malattia per lavoratore è pari a 13,2, nella classe di età tra i 30 e i 39 anni sale a 14,9, per toccare il valore massimo sopra i 60 anni, con 27,4 giorni medi di assenza all’anno. La durata media degli eventi di malattia è, comunque, relativamente breve. Nel 71,7 per cento dei casi la guarigione avviene entro i primi 5 giorni dalla presentazione del certificato medico. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • filen

    filen

    04 Ottobre 2014 - 15:03

    Questo è un valido motivo per eliminare l articolo 18 avete capito cari sindacalisti del cazzo e vedrete che una volta tirato via saranno tutti presenti al lunedì

    Report

    Rispondi

  • burago426

    04 Ottobre 2014 - 15:03

    E' da anni che dico che chi prende un determinato periodo di assenza al lavoro, le giornate non devono più essere retribuite. Piuttosto si aumenti un pochino lo stipendio oppure si mette in un fondo solo personale per una sua evenienza. Basta la casta dei furbetti. Quando sarà assente verrà pagato con il suo fondo oppure con una parte del TFR e quando non ne ha più ..pippe, cassi loro.

    Report

    Rispondi

  • lucia elena

    04 Ottobre 2014 - 12:12

    Era ora.

    Report

    Rispondi

blog