Cerca

Novità

Pensioni: slitta il pagamento al 10 del mese

Pensioni: slitta il pagamento al 10 del mese

Novità per i pensionati. L’accredito della pensione alla posta dal 1 gennaio 2015 sarà spostato al 10 del mese. Una novità prevista della legge di stabilità e che riguarderà milioni di persone, che aspettano l’assegno della pensione il primo di ogni mese. Una misura da cui l’Inps potrebbe risparmiare circa 20 milioni di euro l’anno.
Secondo quanto racconta il Messaggero la nuova scadenza deriva dalla volontà di uniformare i pagamenti effettuati dall’istituto, che avendo assorbito l’Inpdap ora eroga le pensioni anche agli ex dipendenti pubblici. Per questi ultimi la data del pagamento era già fissata al dieci, che ora quindi diventa quella da applicare a tutti: non solo i titolari di trattamenti previdenziali, ma anche pensioni di indennità civile e le relative indennità, oppure le rendite vitalizie dell’Inail. Novità anche per le norme per le truffe di chi percepisce le pensioni di parenti deceduti.

Riscossione con delega -parenti o le persone che comunque avevano la delega a riscuotere la pensione per suo conto continuano a farlo per mesi, e in alcuni casi estremi per anni arrivando a occultare il cadavere. Con le nuove regole viene saltato il passaggio delle anagrafi comunali, che in qualche caso non risultavano particolarmente solerti. Dovrà essere lo stesso lo stesso medico che constata il decesso a trasmettere il certificato all’Inps per via telematica, entro 48 ore. A quel punto il pagamento della pensione avverrà con riserva: banche o poste saranno tenute a restituire le somme non spettanti che si trovano sul conto, e non potranno utilizzarle per estinguere propri crediti: nel caso per qualsiasi motivo la restituzione non sia possibile dovranno segnalare all’Inps le generalità di chi ha la disponibilità delle somme. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ross.bruni

    21 Ottobre 2014 - 21:09

    È un accanimento vergognoso nei confronti dei pensionati! Sono i nostri genitori... i nostri nonni.... Ormai non ci restano più neanche gli occhi per piangere... Che imbarazzo.

    Report

    Rispondi

  • alessiamarta73

    21 Ottobre 2014 - 18:06

    Aumento x loro x qst pensionati quando? ??

    Report

    Rispondi

  • certra

    21 Ottobre 2014 - 14:02

    Adesso l'INPS oltre a sobbarcarsi dei debiti dell'INPDAP causati dal mancato pagamento dei Contributi da parte dello STATO e' costretta anche a penalizzare i poveri pensionati privati. Gente i pensionati all' 80 % prendono meno di 1000 euro e la maggioranza meno di 500; quindi vergognatevi a penalizzare categorie così in sofferenza. Spostate i pagamenti di chi prende 10.000 euro al mese.

    Report

    Rispondi

  • tony140350

    21 Ottobre 2014 - 10:10

    visto che vogliono unificare perche nn spostare tutto al primo del mese???? I SOLDI L'INPS li risparmia lostesso ma come al solito bisogna aiutare quelle povere e miserabili banche verO ???????

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog