Cerca

Occhio alla trappola

Tasi, le sanzioni in caso di ritardo nel pagamento

Tasi, le sanzioni  in caso di ritardo nel pagamento

Avete pagato la Tasi in ritardo o avete scordato di pagarla del tutto? Fate attenzione alle sanzioni. Lo scorso 16 ottobre è scaduta la sua prima rata ma, nonostante questo, ci sono ancora perplessità che i contribuenti non sanno risolvere. La prima rata, secondo le indicazioni di palazzo Chigi sarebbe dovuta essere a giugno a patto che, appunto, i Comuni informassero il Dicastero sulle proprio intenzioni. La seconda rata invece è prevista per dicembre salvo modifiche ulteriori. Finora, come racconta Affaitaliani, in caso di errore nel pagamento della prima rata la differenza potrà essere corrisposta insieme con la seconda rata. Nei casi di pagamento tardivo, il contribuente sarà soggetto al cosiddetto ravvedimento oneroso, ovvero al pagamento di una mora.

Le sanzioni - Sanzioni pesanti per chi deve ancora pagare. Fino al quattordicesimo giorno di ritardo, infatti, la sanzione è dello 0,2% per ogni giorno che passa. Superato il quattordicesimo l'importo lievita fino al 3% per ogni giorno che passa e resta tale fino allo scadere del primo mese. Successivamente la mora sarà del 3,75% più l'1% su base annua per gli interessi legali. Più grave invece sarà la situazione di chi cercherà di evadere l'imposta. In questo caso, i contribuenti potranno essere soggetti ad un controllo e potrebbero fioccare sanzioni anche del 30% dell'importo da pagare che andrà a sommarsi agli altri importi di mora elencati. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • micael44

    13 Dicembre 2014 - 14:02

    ICI, IMU, TARES, TARI, TASI.....finirà qui?! I commercialisti sperano di no!

    Report

    Rispondi

  • gigi0000

    23 Ottobre 2014 - 14:02

    Io ho deciso d'iniziare la rivolta fiscale e non ho pagato, né pagherò la Tasi e le altre estorsioni di stato. Se molti altri mi imitassero, lo stato sarebbe costretto a trattare e ad evitare di spremere i cittadini. Su 800 e passa miliardi di spesa pubblica, da una stima prudente, 300 miliardi potrebbero essere eliminati da un'oculata amministrazione. Pagate poveri fessi!

    Report

    Rispondi

    • civimar

      13 Dicembre 2014 - 16:04

      Tanto per la prossima che avrai bisogno di pensione, ospedale e servizi ci pensiamo noi, Spero che ti becchino e ti spacchino le corna.

      Report

      Rispondi

    • micael44

      13 Dicembre 2014 - 14:02

      Auguri a lei, ma prima di dare del fesso a chi paga e continua a pagare, aspetti qualche anno! Forse il fesso è lei!

      Report

      Rispondi

  • ubidoc

    ubidoc

    23 Ottobre 2014 - 13:01

    Hai scordato di pagare la TASI ? Sei un evasore e delinquente. Beccati la multa e taci. Merdaccia !

    Report

    Rispondi

  • tizi04

    23 Ottobre 2014 - 11:11

    Questo ovviamente solo per gli italiani del nord, per gli altri no controllo,no mora,no tassa,no interessi,no catasto niente di niente. Ecchecazzo che siano quelli del nord a pagare, quelli del sud sono gia` penalizzati per il sole, il caldo e le alluvioni.Hanno bisogno di investimenti,di pensioni di invalidita`,altro che di tasse ecc Guardate che prima o poi qualcuno si incazza di brutto e poi .

    Report

    Rispondi

    • micael44

      13 Dicembre 2014 - 14:02

      Un vecchio economista italo-americano, di cui non ricordo il cognome - forse morto - ebbe a dire già una quindicina d'anni fa che l'Italia era (e lo è oggi più di prima) uno Stato da azzerare (ah, se si potesse!) e poi ricostituire!! Auguri a tutti noi, prossimi "emuli" economici dei greci!! Secondo me sapete cosa ci ha fregato? Il Piano Marschal! Senza saremmo un'altra Svizzera!

      Report

      Rispondi

blog