Cerca

Nubi su Palazzo Chigi

Legge di stabilità, la lettera della Commissione Ue all'Italia: "Significativo scostamento dagli obiettivi per il 2015"

Legge di stabilità, la lettera della Commissione Ue all'Italia:  "Significativo scostamento dagli obiettivi per il 2015"

La lettera della Commissione Ue al governo italiano è arrivata, e l'esecutivo risponderà entro domani. Lo ha reso noto il Ministero dell'Economia, chiarendo quali sono le precisazioni richieste dall'Ue in merito alla legge di stabilità. Nel mirino della Commissione ci sono il mancato rispetto dell'obbligo di ridurre di mezzo punto il deficit strutturale (Renzi si è fermato allo 0,1%), la solidità delle coperture e delle entrate e gli effetti e il calendario delle riforme. Lo scetticismo, dunque, è diffuso anche se per ora l'appunto dei vertici europei non rappresentano una bocciatura vera e propria, come invece avrebbe voluto il presidente uscente della Commissione, il portoghese Barroso.

I dubbi sui conti italiani - "La Commissione intende continuare il dialogo costruttivo con l'Italia per arrivare alla valutazione finale della manovra e gradirebbe il vostro punto di vista non appena possibile e preferibilmente entro il 24 ottobre per consentirci di tener conto delle valutazioni italiane nella prossima fase", recita la lettera. A preoccupare però sono le parole del commissario Jyrki Katainen, falco rigorista finlandese assai vicino ad Angela Merkel, che sottolinea un "significativo scostamento dagli obiettivi" e dagli aggiustamenti richiesti per centrare l'obiettivo del pareggio di bilancio nel 2015: "Non una è minaccia, ma l'avvio di una collaborazione", spiegano da Bruxelles. Il verdetto arriverà il 29 ottobre, e potrebbe non essere così positivo per Renzi e per l'Italia se non riusciremo a risponderà a questa domanda: "L'Italia come assicurerà un pieno rispetto degli obblighi della politica di bilancio nel 2015?". Nell'attesa di dare una risposta con i fatti, Matteo fa lo spaccone: "È finito il tempo delle lettere segrete. È il momento della trasparenza e della chiarezza". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • akille44

    24 Ottobre 2014 - 19:07

    continuo,Ci sono due paesi che hanno perso 2 guerre e si sono Rialzati 2 volte (ed erano rasi al suolo)Germania e Giappone e son ora i più forti.Warum-Perchè? sono un popolo UNITO!! e Noi??FRIGNAMO-e per noi Tutti sono scemi.Dobbiamo tacere-lavorare e CREDERE e Tener DURO UNITI-allora sicuro che ce la FAREMO.NB-io son di destra,ma ho votato RENZI-UNITIIIII si PUOOOO' .-

    Report

    Rispondi

  • akille44

    24 Ottobre 2014 - 19:07

    Voglio commentare non tanto se Renzi è bravo o no, ma che razza di popolo siamo noi!!Fin tanto che ,noi Italiani continueremo a far solo critiche, non ne usciremo mai!! Non ci sono andati bene ,almeno 10 (per dire) primi ministri.Merda tutti. HOOOOO!, fatelo lavorare-Crediamo in quel che fa-Basta Critiche. Deve lavorare.LI trovate Voi i soldi che gli servono?? NO !! e allora che lavori e noi MUTI.

    Report

    Rispondi

  • angelino.cherubini

    23 Ottobre 2014 - 21:09

    Renzi ha fatto bene a pubblicare la lettera ,è giusto che i cittadini sappiano la situazione in cui si trovano,sarebbe inoltre giusto che i cittadini sapessero quanto ci costa mantenere in piedi quel baraccone mangiasoldi che è diventata la Comunità Europea,chiedono sacrifici ai cittadini italiani ,ma scialacquano i nostri soldi con commissioni e sottocommissioni inutili e inconcludenti.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    23 Ottobre 2014 - 19:07

    Come sempre i nostri politici, quando hanno da fare i compiti, li fanno male, a danno dei propri connazionali con la speranza di brillare ma purtroppo la mediocrità si fa sempre notare. Il "bischero" ne è la dimostrazione. Parole ... parole ...parole e fatti concreti NULLA, solo un disastro generale ovvero i propri porci comodi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog