Cerca

La guida

Sanatoria Fiscale, la guida: chi può farla e quando conviene

Sanatoria Fiscale, la guida: chi può farla e quando conviene

Primo sì della Camera. Per il rientro di sei miliardi e mezzo, poco più di un sesto della manovra finanziaria approvata dal governo. A tanto corrisponde la stima del governo per il gettito netto che lo Stato potrà ricavare dall'operazione di rientro dei capitali dall'estero e detenuti 'in nero' in Italia. Obiettivo di questa 'sanatoria fiscale', una sorta di collaborazione volontaria - la cosiddetta voluntary disclosure - e di far emergere all'incirca 30 miliardi. Ma a chi conviene farla e soprattutto quando? Innanzitutto bisogna chiarire a chi è rivolta la sanatoria. Per quanto riguarda la disclosure in senso stretto, i soggetti che devono applicare le regole del monitoraggio (Dl 167/1990) sono le persone fisiche, gli enti non commerciali e le società semplici. A questi, come ricorda il Sole 24 Ore vanno aggiunti tutti coloro che, secondo le disposizioni recentemente emanate, pur non essendo possessori diretti degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria, sono titolari effettivi dell'investimento.

Chi riguarda - Alla sanatoria dei redditi evasi sono invece interessati tutti i contribuenti, a prescindere dalla loro natura e dalla loro forma giuridica: c'è spazio quindi per lavoratori autonomi, imprese, enti commerciali, società di capitali. Sulla tempistica bisogna fare particolare attenzione. La disposizione prevede che devono essere presi in considerazione tutti i periodi di imposta per i quali non è ancora scaduto il termine per l'accertamento alla data di presentazione della richiesta di collaborazione volontaria.

I termini - Per fare un esempio il 31 dicembre del 2014 si prescrive il 2009, la cui dichiarazione è del settembre 2010. Tra la data di presentazione dell'istanza di disclosure e il termine di decadenza dell'accertamento devono passare almeno 90 giorni. Ci sono casi in cui i termini possono essere raddoppiati. Questa casistica riguarda reati tributari e attività in Paesi black list. Tra i casi in cui vengono raddoppiati i termini ci sono l'infedele dichiarazione (soglia a 50mila euro) e l'omessa dichiarazione (nuova soglia a 30mila euro): per il periodo 2009 (dichiarato nel 2010) valgono ancora i vecchi importi; quelli nuovi riguardano le dichiarazioni relative ai periodi dal 2010 in poi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mis25

    25 Ottobre 2014 - 09:09

    questo e' un condono per i mafiosi che potranno ripulire il loro sporco denaro.Figuriamoci se chi non non ha voluto pagare le tasse prima per quale motivo vorrebbe pagarle adesso? I soldi li lasceranno all'estero e in Italia arriveranno soltanto i soldi dei balordi.Questo Renzi fa pena mi ricorda un personaggio di un fumetto chiamato Superciuk

    Report

    Rispondi

  • arwen

    24 Ottobre 2014 - 19:07

    Ma i condoni non erano materia per i governi corrotti e amorali di destra? Certo che Renzi sta mostrando tutta la sua capacità innovativa, dagli 80 euro al bonus bebè, passando per il condono e per l'imposizione fiscale dimostra proprio di possedere un campionario da vecchio democristiano DOP. Dove sono gli amici di sx che si stracciavano le vesti davanti ai condoni della dx?

    Report

    Rispondi

  • burago426

    24 Ottobre 2014 - 19:07

    molte case in Sicilia sono state denunciate come abusive. Secondo voi è cambiato qualcosa? Sono ancora abusive. Ma che condoni, non sanno nemmeno fare 2 + 2.

    Report

    Rispondi

blog