Cerca

L'operazione

Ferrari in Borsa, magia di Sergio Marchionne: Fca scorpora la società e quota il 10%

Sergio Marchionne

L'ultimo colpaccio firmato da Sergio Marchionne. In breve: Fiat-Chrysler (Fca) scorpora Ferrari e ne colloca in Borsa (quella di New York) il 10%, oltre a 100 milioni di azioni Fca. In parallelo, Marchionne, fresco presidente Ferrari, vara un prestito convertendo fino a 2,5 miliardi di dollari, pari a circa 2 miliardi di euro. Nel dettaglio il Cavallino (di cui Fca controlla oggi il 90%, il restante 10% è di Piero Lardi Ferrari) verrà scorporato da Fca dopo l'offerta pubblica in Borsa di una quota del 10% del capitale. Il ricavato dell'offerta, dunque, andrà nelle casse di Fca, a caccia di liquidità (gli ultimi dati indicano ricavi stabili, un calo dell'utile e una crescita dell'indebitamento). L'80% di Ferrari che resta nelle mani di Fca dopo la quotazione del 10% del Cavallino verrà distribuito ai soci.

La "magia" di Marchionne - L'operazione, prevista per il 2015, dovrebbe portare Exor, la cassaforte Agnelli, ad avere una quota sul capitale Ferrari inferiore al 20%, ma una quota superiore dei diritti di voto. Molto dipenderà dalla sottoscrizione, o meno, del prestito convertendo. Ed è proprio sul convertendo che Marchionne sigla l'ultimo colpaccio: chi lo sottoscriverà (rimpinguando così ulteriormente le casse di Fca) avrà un diritto di prelazione sulla piccola porzione di titoli Ferrari che verranno quotati a Wall Street. Un incentivo, la prelazione, che fa impennare le possibilità di una sottoscrizione totale del prestito convertendo.

Operazione 3 miliardi - La notizia della quotazione di Ferrari, dunque, arriva come parte integrante delle notizie attese sulla ricapitalizzazione di Fca, attese dal cda del gruppo che si è tenuto a Londra. L'annuncio dell'operazione, che dovrebbe portare nelle casse del colosso italo-americano 3 miliardi di euro entro nel 2015, ha spinto il titolo a rialzi fino al 5% in Piazza Affari. Un progetto valido, solido, al quale gli investitori credono. Per quel che riguarda il collocamento dei 100 milioni di azioni, si tratterà di 35 milioni di azioni proprie e di 54 milioni di titoli "per reintegrare il capitale delle azioni cancellate a seguito dell'esercizio del diritto di recesso da parte degli azionisti Fiat". Ai prezzi di oggi questa parte dell'operazione dovrebbe portare nelle casse del Lingotto circa 750 milioni di euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frabelli

    29 Ottobre 2014 - 18:06

    Bene, ora che andrà in Borsa, andrà anche più forte? Terrà meglio la strada? Avrà più grip in curva? Perché dalla Ferrari mi aspetto questo e nient'altro!

    Report

    Rispondi

  • RULI5646

    29 Ottobre 2014 - 17:05

    E vabbé ! Sarà un Genio, piacerà a Obama, godrà di Stima dal Mondo Civile ma....... Non piace a Camusso e Landini e Della Valle.... quindi Niente da fare ! Molto meglio che i benefici del suo splendido lavoro li porti all'estero piuttosto che scontentare quei tre "capolavori " !

    Report

    Rispondi

    • zydeco

      30 Ottobre 2014 - 09:09

      Mi risulta increedibili che nel 2014 ci sia ancora qualcuno che dia retta a gente come Camusso e Landini.

      Report

      Rispondi

      • RULI5646

        30 Ottobre 2014 - 10:10

        Penso che Lei debba leggere con un pò più di....attenzione !

        Report

        Rispondi

  • Happy1937

    29 Ottobre 2014 - 16:04

    Un flottante del solo 10% è una stupidaggine. Se si quota un'azienda bisogna portare in borsa non meno del 30/40%, altrimenti è meglio lasciar stare.

    Report

    Rispondi

blog