Cerca

La manovra

Matteo Renzi nasconde ventisette miliardi di tasse

Matteo Renzi nasconde ventisette miliardi di tasse

La scommessa di Matteo Renzi è semplice: nascondere ben ventisette miliardi di tasse, e rimandarle a domani finchè è possibile, per non ammetterne l'esistenza oggi. Per questo motivo nel palazzo sono tutti convinti che si andrà al voto in primavera.

Come funziona - Ai tempi di Mario Monti è stato inserito nella Costituzione il famoso pareggio di bilancio (risultato ottenuto anche grazie a molti di quelli che oggi lo contestano); per questo motivo il nostro deficit deve andare a zero entro il 2017. Per ottenere questo risultato, come spiega Marco Palombi sul Fatto Quotidiano di oggi, ci si serve della spending review. Fino a questo momento però la revisione della spesa è solo aria fritta: a dimostrarlo, i tagli quasi interamente lineari di Renzi & Padoan sul 2015. Esempio: ieri, durante l'incontro tra Comuni, nuove province e governo, gli enti locali hanno fatto sapere che moriranno i servizi ai cittadini (scuola, trasporto, strade, sociale, verde...) mentre molte città rischiano il dissesto.

Tagli - "La Stabilità ci taglia 1,2 miliardi, a cui si aggiungono i 2,2 miliardi del fondo per i crediti deteriorati e 300 milioni eredità di precedenti manovre", ha spiegato Piero Fassino - sindaco di Torino e presidente dell'Anci, l'associazione dei comuni. La somma fa 3,7 miliardi. Secondo il governo verrebbero compensati dallo sblocco del Patto di Stabilità interno per 3,2 miliardi: ma sono comunque soldi che pochi comuni hanno, e non possono essere usati per la spesa corrente (i servizi). Renzi l'ha detto chiaro e tondo: "Discutiamo del come, ma l'entità del taglio resta quella che è".

L'antipasto - Ma non finisce qui: a province e città metropolitane si toglie un miliardo e mezzo; alle regioni complessivamente altri 6,2 miliardi. Ma il vero problema è che i 10 miliardi scarsi di tagli del Renzi di quest'anno sono solo l'antipasto: dentro la manovra, con un orizzonte temporale di tre anni, c'è un "consolidamento del bilancio" (leggi: tagli alla spesa o nuove tasse) per 27 miliardi di euro al 2017.

Iva e accise - Tutto questo è già realtà: il fatto è assodato e inserito nella legge di Stabilità con apposite norme di legge. Un esempio su tutti, l'Iva: nella manovra si legge la cifra allucinante "25,5%". Il valore della faccenda è quotato in 12,8 miliardi nel 2016 e 19,2 l'anno successivo. E si arriva a venti, cifra tonda, se si considerano le accise: nel 2018 aumenteranno benzina e gasolio per almeno 700 milioni l'anno.

Eredità non rinnegata - Un'altra norma del governo Letta prevede, a partire dal 2016 un bel taglio di detrazioni, deduzioni e agevolazioni fiscali. Tecnicamente non è un aumento di tasse, ma in pratica se ne pagheranno di più. Certo non sono impegni presi dal governo Renzi, ma il premier s'è comunque ben guardato dallo spiegare tutto ciò agli italiani nella sua narrazione del #cambiaverso. Per quanto riguarda le tasse degli italiani, il verso rimane sempre lo stesso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • seve

    31 Ottobre 2014 - 13:01

    Questi ci fanno scoppiare noi loro i soldi li hanno e magari anzi senza dubbio anche all'estero . Sono pochi i ladri scemi.

    Report

    Rispondi

  • grisostomo

    grisostomo

    31 Ottobre 2014 - 13:01

    Scoppieranno. La gente sta capendo che l'unica cosa che paga è farli scoppiare.

    Report

    Rispondi

  • seve

    31 Ottobre 2014 - 11:11

    Stato bulimico che non vuol seperne di sprecare meno, Casta politica strapagata inetta e ladra .La BCE che non è una banca centrale in più L'associazione per delinquere di Bruxelles ,un costo del lavoro proibitivo sopportato dalle imprese, contimuerà la desertificazione industriale con annessa disoccupazione . NON Vedo come possa il venditore di pentole Toscano evitare i calci nel c............

    Report

    Rispondi

  • encol

    31 Ottobre 2014 - 08:08

    E' un imbroglione ce l'ha nel DNA -

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog