Cerca

A Berlino

Fisco, 51 Paesi firmano lo stop al segreto bancario dal 2017

Fisco, 51 Paesi firmano lo stop al segreto bancario dal 2017

Chi nasconde il proprio il proprio denaro in qualche "paradiso" vicino o lontano dal 2017 avrà vita più difficile. L'accordo per lo scambio automatico di informazioni fiscali firmato ieri a Berlino da cinquantuno paesi potrebbe portare al tramonto l'epoca dei conti riservati all'estero.

Segreto bancario? No grazie - "Abbiamo lanciato un segnale di trasparenza ed equità nel mondo globalizzato. L'evasione delle tasse non pagherà più", ha detto il ministro delle finanze tedesco Wolfgang Schauble a conclusione della conferenza. "Si tratta di un esempio di riforma strutturale internazionale cioè di un cambiamento di regole che produce benefici per tutti" è stato il commento del ministro dell'Economia italiano, Pier Carlo Padoan. "Evadere le tasse non solo è illegale ma è immorale", ha ricordato il cancelliere dello Scacchiere britannico John Osborne.

I firmatari - All'elenco dei firmatari - che comprende paesi come il Liechtenstein, le isole Vergini e le isole Cayman che attirano capitali in cambio di tassazioni ridotte - si aggiungeranno presto altri Paesi (attualmente si parla di trentaquattro) come, per esempio, la Svizzera. Rimane il problema degli Stati Uniti, che hanno avviato il processo con la normativa Facta ma sono rimasti fuori a causa dei problemi legati alla piena reciprocità dello scambio dei dati.

Qui Italia - Il governo ritiene che l'accordo sarà "una fonte di reddito per il Paese" e prevede un forte influsso sul rientro di capitali. "Stiamo completando il lavoro parlamentare per la voluntary disclosure e questo impegno - ha aggiunto Padoan - è rafforzato dall'impatto delle decisioni prese a Berlino". "L'Italia - ha concluso il ministro - sta diventando nota per il suo sforzo in questo campo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giordanoallievi

    09 Febbraio 2015 - 09:09

    Sarebbe giusto se le tasse non fossero da rapina.

    Report

    Rispondi

  • giordanoallievi

    09 Febbraio 2015 - 09:09

    Sarebbe giusto se le tasse non fossero una rapina.

    Report

    Rispondi

  • Meneghino

    02 Novembre 2014 - 04:04

    Una volta pagate le imposte dovute(?) ciascuno dovrebbe poter fare dei suoi soldi al netto delle imposte, quello che vuole, indisturbato, senza ostacoli, senza venire molestato e perseguitato continuamente: comperarsi un auto di lusso, andare a puttane, comperarsi una casa in Patagonia, comperarsi tonnellate di caramelle Golia, etc. etc.; sono fatti suoi. Invece no! Ci vogliono derubare di tutto!

    Report

    Rispondi

    • MorettiA

      24 Febbraio 2015 - 12:12

      D´accordo perfettamente ! Lo stesso diceva il compianto "cittadino scomodo" Alberto Bertuzzu

      Report

      Rispondi

    • nastroazzurrolc

      09 Febbraio 2015 - 07:07

      D'accordo.

      Report

      Rispondi

  • MorettiA

    31 Ottobre 2014 - 16:04

    Cosa s`intende per "estero" ? Nei paesi della Comunità Europea vige la regola fondamentale di "libertà di circolazione delle persone e dei capitali" In ogni caso il contribuente , assolti gli obblighi fiscali, dei suoi soldi può fare ciò che vuole: nasconderli all´isola Mal di Ventre oppure più comodamente sotto il materasso a scanso di possibili "espropriazioni proletarie"

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog