Cerca

Governi sanguisuga

Conto da 10 miliardi di euro per le tasse retroattive

Conto da 10 miliardi di euro per le tasse retroattive

Tasse retroattive e maxi-acconti, per circa dieci miliardi di euro di imposte chiesti agli italiani solo negli ultimi tre anni, dal 2011 al 2014. Cioè dal decreto salva-Italia di Monti alla legge di stabilità per l'anno prossimo. E' quanto hanno chiesto i governi agli italiani, soggetti privati e imprese. Il conto lo fa Il Sole 24 Ore. Tasse decise oggi, ma pagate "da ieri". Lo Statuto del contribuente vieta esplicitamente (o meglio vieterebbe) l'introduzione di imposte con effetto retroattivo. Ma, essendo una legge ordinaria, lo statuto può essere superato senza conseguenze da altre leggi o decreti. Cosa che negli ultimi 14 anni è successa la bellezza di 86 volte.  solo contando le deroghe esplicite, ovvero quelle che mettono nero su bianco l'eccezione.

Ad esempio, nel Ddl di stabilità che il Parlamento dovrà approvare entro fine anno, c'è l'aumento dall'11,5 al 20% della tassazione sui rendimenti dei fondi pensione, con effetti fiscali già dal 1 gennaio 2014 e incassi per l'erario di circa 450 milioni di euro.

Una tendenza, quella delle imposte retroattive, che come scrive Il Sole si è intensificata per l'esigenza di far quadrare i conti pubblici. Il record, in questo senso, spetta al decreto "Salva Italia" del premier Mario Monti che nel 2012 prevedeva tra l'altro 2,2 miliardi in più di addizionale regionale Irpef per l'anno d'imposta 2011.

Un altro trend è quello degli acconti chiesti a titolo di "anticipo", cioè per imposte che sarebbero dovute sì, ma in futuro. Nel 2013, ad esempio, lo Stato ha incassato quasi 3,7 miliardi di competenza degli anni d'imposta successivi.  Maggiori incassi che, guarda caso, si avvicinano ai 4 miliardi m,ancanti per l'abolizione dell'Imu sull'abitazione principale. Quest'anno, scrive sempre il quotidiano di Confindustria, la tendenza si è attenuata ma non è sparita, come dimostra la decisione di riscuotere nel 2014 tutti i 600 milioni di euro dell'imposta sostitutiva sulla rivalutazione dei beni d'impresa, che dovrebbero invece essere spalmati su tre esercizi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Fiammifero

    10 Novembre 2014 - 19:07

    Faccio presente a lor signori che manca la foto di Berlusconi. Ricordo che i nefandi provvedimenti del governo Monti sono stati ATTUATI anche con il voto "necessario" del Sig. Berlusconi e dei suoi scagnozzi. Il tutto per far notare che l'odiosa faziosità dei sinistri non può essere contrastata con altrettanta faziosità: nel centro dx nessuno è fesso... non ci prendete anche voi per i fondelli!!

    Report

    Rispondi

  • alvit

    10 Novembre 2014 - 18:06

    Perchè non c'è nessun giornalista, intervistatore, presentatore che non si caghi addosso quando incontra questi marpioni? nessuno e dico nessuno ha il coraggio di prenderli per le corna e pretendere che dicano la verità sulle truffe e sulle falsità che si compiono alle spalle degli italiani? Sviano sempre da tutto e noi che ascoltiamo rimaniamo come dei mone.Quattro bastonate sulla groppa...

    Report

    Rispondi

  • encol

    10 Novembre 2014 - 15:03

    Ma il problema è ben più grave di "quanto ci hanno sfilato" . La domanda è QUANTO HANNO MINATO ALLA STABILITA' DEL PAESE? Questi tre hanno commesso un delitto di stato, è ora di rendersi conto dei gravi danni causati -

    Report

    Rispondi

  • Palmiro Fazzari

    10 Novembre 2014 - 13:01

    Tre colpi di stato , un presidente della Repubblica che ha consentito la vendita della nostra democrazia alla Germania in primis , le stesse persone che hanno rimandato in INDIA i suoi connazionali, le stesse persone che dovevano infischiarsi della impopolarità propria , ma bensì dare un vero taglio alla spesa pubblica ! Risultati , spese maggiorate , tasse adismisura ... Abbiamo quello che ci...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog