Cerca

La mossa

Tasse, da gennaio 2015 sale l'aliquota delle addizionali regionali

Tasse, da gennaio 2015 sale l'aliquota delle addizionali regionali

Tasse, tasse e ancora tasse. Dietro le rassicurazioni di Matteo Renzi per il carico della pressione fiscale che, a suo dire, "non aumenterà", si nasconde una mazzata sulle tasche degli italiani. Da gennaio infatti l'addizionale Irpef regionale potrà salire fino al 3,33 nper cento. Un punto in più rispetto al 2,33 applicato già da Piemonte, Lazio, Molise e Basilicata. Gli aumenti più pesanti saranno soprattutto nelle regioni con i Piani di rientro sanitari: Piemonte, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Calabria e Sicilia. In queste regioni le addizionali aumenteranno a causa dei tagli agli enti locali: 4 miliardi, come racconta il Corriere della Sera, con l'ultima legge di Stabilità. Il prelievo medio quest'anno è salito a 377 euro fino anche a 548 nel Lazio. In Sicilia il prelievo sarà di 371 euro, in Calabria di 405, in Basilicata di 269, in Molise 421 euro, in Puglia 320, in Campania 442, in Abruzzo 357 come in Umbria. Vanno meglio le cose a Bolzano dove il prelievo è di 181 euro mentre a Trento è di 292. In Lombardia in media si pagano 380 euro, mentre in Emilia Romagna 400.

Scontro governo-regioni - Domani è previsto un incontro tra il governo e le Regioni per discutere i tagli: "Le proposte delle Regioni - afferma il sottosegretario - Pier Paolo Barretta - non vanno nella direzione giusta. Vorrebbero alleggerire i tagli utilizzando i fondi non spesi per il pagamento dei debiti verso le imprese. Sarebbe una soluzione finanziaria, mentre secondo noi vanno ridotti gli sprechi". Una posizione chiara quella del governo che trova l'opposizione delle regioni che ormai aspettano solo il disco verde per aumentare le imposte a spese nostre...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rocc

    19 Novembre 2014 - 17:05

    se le addizionali irpef comunali e regionali aumentano a dismisura la colpa è anche di Renzi che aumenta il tetto di imposizione a favore di regioni e comuni, così come fa e farà per le aliquote tasi, imu e tari; poi dirà che è colpa delle regioni, ma la colpa è - anche - sua (vero chry?). Poi chi abita a Roma (e Lazio )paga ancora di più: abbandonare Roma e Lazio, no?

    Report

    Rispondi

  • Chry

    18 Novembre 2014 - 12:12

    Peccato, avrei votato Salvini se avesse mantenuto la promessa di andare a Roma con i bastoni, ma a quanto pare è solo un bugiardo e fesso, circondato da altri fessi, rimango con Renzi, mille volte meglio del leghista racconta balle

    Report

    Rispondi

    • gigi0000

      18 Novembre 2014 - 16:04

      Convengo sul ballista Salvini, ma Renzi li batte tutti: a parte gli 80 Euro dati ai suoi votanti e sottratti a tutti gli altri con nuove tasse, continua a promettere fantasiose riforme, che non sono state, né saranno mai fatte. Renzi è personaggio da Guinness dei contaballe e, senza offesa, soltanto le capre possono credergli ancora.

      Report

      Rispondi

blog