Cerca

Allo sportello

Federconsumatori, allarme per le carte prepagate: "Ecco perché non sono sicure"

Federconsumatori, allarme per le carte prepagate: "Ecco perché non sono sicure"

Le carte prepagate non sono al sicuro. L'avvertimento proviene da Federconsumatori Lombardia, che ha rilevato un aumento di possessori di prepagate che si presentano agli sportelli dell'associazione, lamentando truffe ai loro danni. "Il sistema delle carte prepagate" spiega il presidente Gianmario Mocera, "a differenza dei normali bancomat e carte di credito, legate ai nostri conti correnti, quindi tracciabili e coperte da un circuito informatico importante e completamente assicurate e con la possibilità di eventuali rimborsi, non è molto sicuro e non permette di individuare con certezza il truffatore che ha rubato il nostro contenuto monetario". Cosa fare? Secondo quanto afferma lo stesso Mocera a Quifinanza.it, il consiglio prima di tutto, è di ricaricare solo la quantità di denaro necessaria per l'acquisto. E di fare attenzione alla scelta dell'operatore: "Ad esempio per il prodotto di Poste Italiane, Postapay, la carta più usata nel Paese, non vengono riconosciuti eventuali rimborsi, adducendo la non tracciabilità dei flussi in transito nella carta." "Un'ingiustizia", accusa Mocera, "perché stiamo parlando di uno strumento importante che dovrebbe essere coperto da tutele nei confronti del consumatore".

Cosa fare in caso di frode - E nel caso in cui si è vittima di una frode? Il consumatore può rivolgersi, direttamente o attraverso le associazioni, all'Arbitro Bancario Finanziario. "L'ABF è un organismo poco conosciuto, sostenuto da Banca d'Italia", spiega il presidente di Federconsumatori Lombardia, "ma che permette una via stragiudiziale, cioè senza andare in Tribunale, per avere restituito il maltolto".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pasquinospia

    13 Dicembre 2014 - 19:07

    Dalla mia carta Poste Pay, mi era stata trafugato una consistente cifra. Dopo la denuncia, esperite le dovute indagini, Poste Italiane, mi ha rimborsato sino all'ultimo euro. Il tutto in tempo congruo.

    Report

    Rispondi

  • pasquinospia

    13 Dicembre 2014 - 19:07

    Dalla mia carta Poste Pay, mi era stata trafugato una consistente cifra. Dopo la denuncia, esperite le dovute indagini, Poste Italiane, mi ha rimborsato sino all'ultimo euro. Il tutto in tempo congruo.

    Report

    Rispondi

  • pasquinospia

    13 Dicembre 2014 - 19:07

    Con Poste Pay mi era stata trafugato una somma così sente. Ma Poste a italiane, dopo doverose indagini, mi ha rimborsato sino all'ultimo euro.

    Report

    Rispondi

  • dadorso65

    18 Novembre 2014 - 14:02

    Ma scusate, le prepagate fino a prova contraria vengono fatte ed utilizzate proprio per evitare, in caso di truffa, di perderci troppo denaro, dato che si ricarica solo ciò che serve. Quindi quale allarme vanno a tirare fuori. Hanno più interesse che teniamo tutto sul conto perchè sulle prepagate non possono tassare niente, ve lo dico io

    Report

    Rispondi

    • accanove

      18 Novembre 2014 - 16:04

      vi sono prepagate che fungono da vero e proprio conto corrente, quindi con giacenze di denaro ben oltre il necessario, a queste si riferisce. Sicuramente le prepagate spuntano gli artigli bancari essendo carte a costi molto contenuti, senza costi annuali ma solo sulle operazioni. Al di la di questo è una grossa pecca le poste non le assicurino come tutte le altre.

      Report

      Rispondi

    • uberto

      18 Novembre 2014 - 15:03

      si, bravo dadorso, concordo al 100 %, io la uso per comprare su internet, se devo comprare qualcosa che costa esempio 30 euro, la ricarico di 32 euro e sono tranquillo che piu' di quello non possono prelevare.

      Report

      Rispondi

blog