Cerca

Il premier

Matteo Renzi: "Eliminiamo gli scontrini fiscali e sostituiamoli con la tracciabilità elettronica"

Matteo Renzi: "Eliminiamo gli scontrini fiscali e sostituiamoli con la tracciabilità elettronica"

"Non possiamo abituarci all'idea di raccontare l'Italia come un insieme di 'sfighe'. Non possiamo continuare a parlare solo delle cose che vanno male, che in Italia sono andati via i migliori, i 'cervelli', come se quelli che sono rimasti non valgono niente". Matteo Renzi battezza i 100 digital champions e continua con la metafora dell'ottimismo senza mezzi termini. Il premier ricorda, nel rimembrare ancora una volta l'importanza delle Ict (le tecnologie dell'informazione e della comunicazione) che "con la delega fiscale elimineremo gli scontrini attraverso la tracciabilità totale, così che l'Agenzia delle Entrate non venga più avvertita come l'avvoltoio sulle spalle ma un advisor per le aziende". 

Lotta all'evasione - "Eliminiamo gli scontrini fiscali e sostituiamoli con la tracciabilità elettronica" spiega Renzi che, come detto, appoggia Rossella Orlandi, neo direttrice dell'Agenzia delle Entrate e (renziana doc) che nelle scorse settimane aveva auspicato un cambiamento simile giudicando gli scontrini "inefficaci" ai fini della battaglia contro l'evasione. Circa la tracciabilità dei pagamenti, già alla fine del 2013 una relazione della Corte dei Conti spiegava come questo sistema sarebbe risultato utile per la lotta all'evasione.

Il premier "smanettone" - Renzi si è poi schierato fermamente a favore della diffusione del digitale affermando che "quello che dobbiamo fare è far capire che tutto questo offre a ciascuno di noi un rapporto diverso con la Pubblica amministrazione, che non sia qualcosa per addetti ai lavori", ha specificato il premier Renzi, che ha aggiunto: "Mi dicono che sono un premier smanettone, ma non è questo il punto. Piuttosto portare a tutti a capire che mettere on line le spese è la più grossa spending review che si possa fare". 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • TOMMA

    21 Novembre 2014 - 16:04

    #Angelo Caraviello- segue: non è forse questo uno dei pochi -se non l'unico- paese nel quale si abilitano i commercialisti per permettere loro di cercare di far pagare il meno possibile ai propri clienti? Le risulta che da costoro ci vadano i lavoratori dipendenti o i pensionati? Siamo seri per favore. Che tali specie di politicanti siano vergognose è un fatto. Ma le tasse si debbono pagare!

    Report

    Rispondi

  • TOMMA

    21 Novembre 2014 - 16:04

    #Angelo Caraviello- segue: Facciamo così, togliamo gli scontrini; ma il primo lestofante (ce ne sono, ce ne sono) che viene scoperto ad evadere, viene interdetto dall'attività, e gli vengono sequestrati i beni anche se intestati alla moglie. Ci sta anche lei? Naturalmente questo trattamento dovrà essere esteso a tutto e a tutti, compresi industriali poeti o filosofi. Segue...

    Report

    Rispondi

  • TOMMA

    21 Novembre 2014 - 16:04

    #Angelo Caraviello- Intanto "poveraccio" sarà lei! Io da lavoratore dipendente, ho sempre pagato tutte le tasse, comprese quelle universitarie dei figli. Non mi risulta che tutti i commercianti facessero lo stesso. E' vero che oggi è brutta anche per loro. Ma ci sono giovani con fior di titoli che sono costretti a lavorare con partita iva, oppure part time, quando lavorano... segue

    Report

    Rispondi

  • accanove

    21 Novembre 2014 - 09:09

    bello il gioco nuovo "governopoli" i soldi e contratti sono come quelli del monopoli.... simbolici

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog