Cerca

L'analisi di Unimpresa

Ci aspettano quattro anni da incubo: tasse e spesa pubblica fuori controllo

Ci aspettano quattro anni da incubo: tasse e spesa pubblica fuori controllo

Ma quale spending review, ma quale calo delle tasse: il quadriennio 2015-2018 sarà da incubo con una stangata fiscale da 68 miliardi e una spesa pubblica fuori controllo in aumento di 35 miliardi. Secondo l'analisi del Centro studi di Unimpresa nel 2018, sulle casse dello Stato peseranno uscite per 810,8 miliardi in aumento di 35,6 miliardi (+4,60%) rispetto ai 775,1 miliardi con cui si chiuderà il 2014; in aumento costante anche il gettito fiscale che fra quattro anni arriverà a quota 847, 8 miliardi, in crescita di 68,3 miliardi (+8,76%) rispetto ai 779,4 miliardi che lo Stato incasserà quest'anno. Resterà stabilmente sopra il 43% la pressione fiscale che si attesterà al 43,2% nel 2018 sostanzialmente invariata rispetto al 43,3% del 2014.

Spesa pubblica - Le elaborazioni di Unimpresa, basate su dati del ministero dell'Economia e delle Finanze, rivelano anzitutto che la spesa statale è destinata a crescere continuamente. Alla fine del 2014 dalle casse dello Stato usciranno 775,1 miliardi , cifra che salirà a 775,5 milioni l'anno prossimo con un incremento di 377 milioni (+0,05%); nel 2016 le uscite si attesteranno a 787,04 miliardi in crescita di 11,5 miliardi (+1,48%) sui 12 mesi precedenti; nel 2017 lo Stato arriverà a spendere 796,2 miliardi, ben 9,2 miliardi in più (+1,18%) sull'anno precedente; nel 2018 la spesa sfonderà il tetto degli 800 miliardi per arrivare a 810,8 miliardi con una crescita di 14,5 miliardi (+1,83%) sul 2017. Complessivamente, nell'arco di quattro anni è dunque previsto un aumento di 35,6 miliardi della spesa pubblica (+4,60%).

Tartassati - In costante salita anche il gettito fiscale che quest'anno arriverà a 779,4 miliardi. L'anno prossimo dalle tasche di famiglie e imprese usciranno in tutto 789,3 miliardi, vale a dire 9,8 miliardi in più (+1,26%) rispetto al 2014; nel 2016, poi, si arriverà a entrate pari a 808,6 miliardi in salita di 19,3 miliardi (+2,45%) sui 12 mesi precedenti; nel 2017 tasse e oneri sociali arriveranno a 826,9 miliardi, con un incremento di 18,2 miliardi (+2,26%) sul 2016; nel 2018, poi, si arriverà a sfiorare la vetta degli 850 miliardi con le entrate che si attesteranno a 847,8 miliardi in salita di 20,8 miliardi (+2,53%) sull'anno precedente. Complessivamente, nell'arco di quattro anni è dunque previsto un aumento di 68,3 miliardi delle entrate nelle casse dello Stato (+8,76%). In questo arco di tempo, la pressione fiscale resterà sostanzialmente invariata: 43,3% nel 2014, 43,4% nel 2015, 43,6% nel 2016, 43,3% nel 2017 e 43,2% nel 2018.

L'allarme - "Siamo di fronte a dati spaventosi: è la prova che la spending review non esiste e che il taglio delle tasse è un miraggio. Lo Stato continuerà a spendere sempre di più e il peso del fisco sui contribuenti è destinato a salire. Come cittadini, come imprenditori e come rappresentanti di persone che lavorano e cercano di portare il Paese fuori dalla recessione ci sentiamo letteralmente presi in giro dal governo di Matteo Renzi" commenta il presidente di Unimpresa, Paolo Longobardi. "In questi giorni - aggiunge - si parla della riforma dell'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori come se fosse la panacea di tutti i mali, ma si tratta, e lo abbiamo già detto più volte, di un falso problema. La sensazione è che si sia innescata una battaglia ideologica che ha, alle sue fondamenta, una precisa strategia politica ma che in realtà non risolve i problemi delle aziende italiane".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Chopin51

    27 Novembre 2014 - 21:09

    E pensare che il disastro era Berlusconi!!!!!Dopo di lui tre governi mai votati da nessuno,tre primi ministri fallimentari ,da Monti (il massone),a Letta (l'ingenuo) a Renzi (il Mogol della politica).La misica cambia in peggio e noi italiani che facciamo?NESSUNA REAZIONE!!!!!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • ramadan

    26 Novembre 2014 - 17:05

    tutti criticano nessuno propone. ecco perchè siamo in questo stato. la cosa più semplice è criticare.basta andare a vedere una partita di calcio anche fra ragazzi : tutti sono supertecnici: nessuno di quelli che criticano è però mai sceso in campo .

    Report

    Rispondi

    • capitanuncino

      27 Novembre 2014 - 23:11

      Anche se proponessero,arriva il solone di merda che boccia tutto.E allora?

      Report

      Rispondi

  • gianluca.pasqualini

    26 Novembre 2014 - 16:04

    L'origine di tutto questo non è la "spesa pubblica" (che di per se è sempre stata in linea con quella di tutti gli altri paesi, se non inferiore) ma la moneta unica e le politiche monetarie europee. Fatevene una ragione, prima si esce da questo delirio chiamato eurozona meglio è per tutti.

    Report

    Rispondi

    • ramadan

      26 Novembre 2014 - 17:05

      e gli sprechi, la corruzione, l'evasione fiscale dove li metti ?e gli interessi sul debito pubblico te ne sei dimenticato? ( ogni 1% su 2000 miliardi significa 20 miliardi)l meno male che c'è l'euro e l'eurozona , i tassi ora sono al di sotto del 3%. con la lira arrivavano al 20%. fa un pò il conto e poi sappimi dire

      Report

      Rispondi

  • aquila azzurra2

    26 Novembre 2014 - 15:03

    4 anni? siete folli ,pensate che questo popolo in queste condizioni possa tirare avanti ancora per 4 anni? la spesa pubblica che i vari governi pensano di dover mantenere necessariamente sono gli sbafi della politica, i ricchi emolumenti ai capi militari e le paghe agli uomini in divisa. Tutti gli altri subiranno tagli , vessazioni e....manganellate.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog