Cerca

La svolta dell'Inps

Pensione, assegno alle donne a 57 anni

Pensione, assegno alle donne a 57 anni

Si chiama "opzione donna", e prevede che le lavoratrici con almeno 35 anni di contributi e 57 di età possano andare in pensione, ma con l'assegno calcolato interamente con il metodo contributivo. La domanda per l'assegno potrà continuare ad essere presentata: è ciò che dovrebbe prevedere una circolare dell'Inps attesa nelle prossime ore, e che riaprirebbe i termini che altrimenti sarebbero scaduti ieri, domenica 30 novembre. L'"opzione donna" fu introdotta nel 2004 dal governo Berlusconi, che la prevedeva in via sperimentale fino al 31 dicembre 2015 (nel caso di lavoratrici autonome, l'età sale a 58 anni). Come detto, l'assegno si calcola con il contributivo: prendi quanto hai versato nel corso della tua intera carriera, e non con il retributivo che prevede una pensione pari al 70% di stipendio con 35 anni di contributi). In media, la donna che sceglie questo tipo di percorso pernde un assegno assottiliato del 15-20 per cento.

Il balletto dei termini - Nei primi anni in cui l'opzione era esercitabile, in poche hanno scelto questa strada. Dopo la riforma Fornero, che ha cancellato le pensioni di anzianità ed ha aumentato l'età per la pensione di vecchiaia in modo vertiginoso, il numero di domande all'Inps per l'"opzione donna" si è impennato: spesso si trattava dell'unica possibilità per non finire esodati (per esempio nel 2013 sono arrivate 8.846 rispetto alle poche centinaia degli anni precedenti). Secondo una precedente circolare dell'Inps, il termine di questo possibile percorso era stato anticipato a fine 2014, alla fine di novembre poiché la richiesta va presentata un mese prima, contro il 31 dicembre che era stato previsto. Contro questa interpretazione è stata promossa una class action, mentre in Parlamento sono state approvate mozioni per vincolare l'Inps a rispettare la legge. E, come detto, a breve dovrebbe essere diffusa la circolare che confermerà la scadenza originariamente prevista del governo Berlusconi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • claudionebridio

    02 Dicembre 2014 - 10:10

    Dovrebbe valere solo per le madri di famiglia, altrimenti appare come il solito privilegio cucito addosso all'ex "gentil sesso" che ripagherà, come sempre , con la denigrazione sistematica del maschile, le vomitevoli campagne femministe e i piagnistei (ingiustificati) sulla parità di diritti "negati".

    Report

    Rispondi

  • zydeco

    01 Dicembre 2014 - 21:09

    Tra quote rosa e tutte le problematiche femminili e le polemiche. Il vittimismo delle donne e' diventato insopportabile. Adesso le donno che hanno una aspettativa di vita mediamente di 5 anni piu' degli uomini, vanno in pensione ancora prima. Io proporrei gli uomini di ammazzarli subito cosi' le donne potranno avere tutto. Pensate solo al trattamento dei padri separati.

    Report

    Rispondi

  • luigifassone

    01 Dicembre 2014 - 20:08

    Ma non si vive di più ? Non si doveva andare (specialmente le donne,che hanno aspettativa di vita almeno otto anni di più dei maschi) in pensione...POI ? BOH !

    Report

    Rispondi

  • aru333333

    01 Dicembre 2014 - 20:08

    Chi ha lavorato da bambino iniziando a 14 anni ovviamentebisogna fregarli tanto sono scemi e a 57 anni hanno 43 anni di contributi. Quindi invece di premiarli come in tutto il resto del mondo almeno facciano 37 38 anni per tutti pero no solo per chi ha lavorato tardi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog