Cerca

La profezia

Fmi, Andrea Montanino: "Per l'Italia un futuro poco sereno"

Fmi, Andrea Montanino: "Per l'Italia un futuro poco sereno"

"Un futuro cupo per l'Italia". Il direttore esecutivo del FMI Andrea Montanino, nel presentare il rapporto sul nostro Paese, ha detto testualmente: "L’Italia, nelle condizioni attuali, non è un Paese per cui si possa pensare ad un futuro radioso, o quantomeno sereno. La crescita potenziale dell’Italia di fatto crolla per gli anni futuri, siamo inchiodati allo 0,5%”.

La profezia Fmi - Nel suo report il Fmi ha stimato che la crescita dell’Italia sarà dello 0,2%, a fronte dello 0,3% previsto nel precedente rapporto. Inoltre Montanino ha ricordato come il 'private equity' (investimenti in società non quotate da parte di fondi specializzati) sia molto più sviluppato negli Usa e che l’Europa è troppo “bancocentrica”, e che su questa fattispecie è necessario agire perché “le banche italiane hanno fatto progressi nel rafforzare i bilanci, ma devono affrontare sfide e venti contrari ciclici” e devono quindi "essere pronte a soddisfare la domanda quando l’economia si riprenderà". Non è la prima volta che l'Fmi dà consigli interessati all'Italia. Già nello scorso settembre il Fondo aveva esortato l’Italia a intervenire drasticamente sul bilancio pubblico affrontando una riduzione delle pensioni e del sistema sanitario. Come affermato da Kennet Kang, capo missione dell’istituzione guidata da Lagarde, “la spesa pensionistica è troppo alta e un taglio della spesa pubblica deve passare per un taglio della spesa previdenziale”. Insomma ancora una volta l'Italia è stretta nella morsa della finanza internazionale. E a quanto pare, secondo il Fondo Monetario il futuro è ancora segnato dalla crescita ferma a zero.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ramadan

    05 Dicembre 2014 - 11:11

    per allianz delle 8,08 con quello che hai scritto dimostri di non aver capito nulla,di non leggere i giornali e non so quali tv guardi..istai infatti dicendo chee i danni all'utalia non li hanno fatto tutti questi ladroni ma ovviamente l'ingresso nell'euro e il povero prodi. forse se rifletti un pò e ti informi meglio è possibile che cambi idea.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    05 Dicembre 2014 - 08:08

    Questa lercia donna da postribolo sputa sentenze....A denti stretti devo purtroppo darle ragione.Se ce ne stavamo fuori dall'europa era meglio.Mortadella ha fatto di tutto per portarci dentro con il primo gruppo e ci siamo buttati nella merda piu' nera.Sia maledetto.

    Report

    Rispondi

    • ramadan

      05 Dicembre 2014 - 12:12

      allianz : non hai maledetto nè insultato i ladroni di roma, milano (expo),venezia (mose) , nemmeno tutti quei dirigenti di aziende regionali, provinciali, comunali che a capo di aziende sull'orlo del fallimento hanno emolumenti che vanno dai 100.000 ai 500.000 euro annui. la colpa per come la pensi tu non è di questi ladroni ma di prodi e dell'europa che ci vorrebbe paese civile. pensaci!

      Report

      Rispondi

  • ramadan

    04 Dicembre 2014 - 22:10

    i ladroni di roma, dell'expo, del mose .i dg di partecipate comunali sull'orlo del fallimento retribuiti con 500.000 euro l'anno tutto questo è colpa dell'euro, dell'europa, della merkel , dei giudici comunisti. gli italiani sono vittime di questa europa che vorrebbe che l'italia si comportasse come un paese civile, che condannasse questi ladroni. ma in europa sono matti si sa noi siampo italiani

    Report

    Rispondi

  • gangelini

    04 Dicembre 2014 - 20:08

    Spesa pensionistica elevata, pubblico impiego alle stelle, sanità fuori controllo, adesso ci si mettono anche gli extracomunitari nullafacenti e stipendiati 2 volte: uno dallo stato, il secondo dalle nostre case aperte come una scatola di sardine. W la sinistra e chi ci crede ancora.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog