Cerca

La ricetta per la crescita

Matteo Renzi, la tentazione: nel 2015 bonus 80 euro anche a pensionati e autonomi

Matteo Renzi, la tentazione: nel 2015 bonus 80 euro anche a pensionati e autonomi

Il diktat dell'Eurogruppo all'Italia sulla necessità di correggere al rialzo il taglio del deficit per il 2015 potrebbe essere un avvertimento preventivo. A Bruxelles, infatti, temono che il premier Matteo Renzi stia studiando una "virata" nella propria politica economica. E' il retroscena offerto dal Corriere della Sera, e Massimo Franco spiega perché: in effetti, la "sterzata" sarebbe nell'agenda del governo, ancora sotto forma di "scenari, non decisioni", e prevederebbe un clamoroso allargamento della platea a cui verrebbero destinati gli ormai mitologici 80 euro al mese in busta paga.

Gli 80 euro a pensionati e autonomi - L'idea di Renzi, spiega Franco, sarebbe quella di estendere entro marzo il bonus di 80 euro a pensionati e lavoratori autonomi, e non più solo quelli dipendenti. Un modo per recuperare un po' di terreno dal punto di vista del favore elettorale (magari a ridosso del ritorno alle urne) ma anche per spezzare la catena della recessione e tentare di ridare fiato ai consumi, visto che le previsioni sul Pil parlano ancora di un probabile segno meno. Per effettuare questo intervento soldi, tanti: 10 miliardi di euro per il bonus e tra i 40 e i 50 miliardi per un piano triennale di investimenti sociali. Il piano Juncker e il tesoretto previsto dalla manovra non basterebbero, ma Palazzo Chigi starebbe studiando l'ipotesi di andare avanti comunque, sfondando il tetto del 3% del rapporto tra debito e Pil.

Il rischio di infrazione - Il debito sarebbe "virtuoso" perché sfruttato per la crescita e gli investimenti, certo, ma non incontrerebbe certo il favore di Bruxelles. E qui si torna alle parole di lunedì del presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem: "L'alto debito resta motivo di preoccupazione, sappiamo tutti che cosa accadrebbe se le regole non fossero rispettate". Un rischio concreto di infrazione, certo, ma che Renzi potrebbe accettare di correre per provare il tutto per tutto. E magari incassare qualche voto in più, come successo alla vigilia delle trionfali (per lui) elezioni europee di maggio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • r.carpine

    10 Dicembre 2014 - 19:07

    per motivi evidenti di giustizia sociale,per tener fede a quanto promesso e per la ripresa economica ,molto più probabile,nonche per dimostrare dignità autonoma e saggezza politicanell'ambito Europa ,è Necessario che Renzi estenda l?agevolazione fiscale anche ai pensionati e autonomi con reddito basso.

    Report

    Rispondi

  • gianni modena

    10 Dicembre 2014 - 08:08

    certo questoo imbe non pensa alla crescita con gli 80 euro pensa a comprarsi i voti degli imbecilli che glielo possono dare . gia' visto tutto , e i giudici accusano Berlusconi di compravendita di parlamentari ma niente su renzi ehhh ?? mi raccomando altrimenti potrebbe tagliarvi le ferie .

    Report

    Rispondi

  • encol

    10 Dicembre 2014 - 07:07

    E' davvero difficile comprendere come un popolo come il nostro si lasci abbindolare dal primo sproloquiatore e dispensatore di patacche che si affaccia alla ribalta politica. Come si può dare fiducia ad uno sbarbatello che pugnala alle spalle il suo stesso "compagno" di partito. Ricordate? STAI SERENO ENRICO" E' proprio questo che pensano in Germania sopratutto e hanno giustamente paura.

    Report

    Rispondi

  • Royfree

    09 Dicembre 2014 - 23:11

    Buffone frustrato. Ha dato gli 80 euro ai suoi dipendenti Statali che già potevano mettere il piatto a tavola. Mi pare la pubblicità: "Ti piace vincere facile?" Ecco come ha vinto le Europee.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog