Cerca

Rivelazione di Bloomberg

Marchionne vuol portare la sede fiscale della Ferrari in Gran Bretagna

Marchionne vuol portare la sede fiscale della Ferrari in Gran Bretagna

Quatto quatto, un pezzo alla volta, Sergio Marchionne sta portando tutta alla'estero l'industria automobilistica italiana. Fiat, ormai, è andata da tempo e oggi non si chiama nemmeno più Fiat, ma Fca. E' quotata negli Usa, ha la sede legale in Olanda e quella fiscale in Gran Bretagna. Ora potrebbe toccare nientemeno che alla Ferrari, il marchio più made in Italy di tutti. Una vera bandiera del nostro Paese. A rivelare la clamorosa mossa del manager italo-canadese, che dopo la cacciata di Luca Cordero di Montezemolo è diventato numero uno pure del Cavallino, è l'agenzia Bloomberg. L'ipotesi del trasferimento della sede fiscale della Rossa in Gran Bretagna rimbalza dagli Usa, dov'è in corso il road show di Sergio Marchionne per illustrare ai banchieri d'oltreoceano i vantaggi del bond Fca da 2,5 miliardi di dollari che verrà emesso entro fine anno.

Maranello non smentisce, limitandosi a far sapere che quella del trasferimento della sede fiscale è un'ipotesi ma che una decisione verrà presa solo nei prossimi mesi, alla vigilia dello spin off tra Ferrari e Fca. Ma secondo Bloomberg, il Cavallino potrebbe seguire la strada già imboccata da Fca: quotazione Usa, sede legale in Olanda e sede fiscale in Inghilterra. Gli insediamenti produttivi della Ferrari dovrebbero comunque rimanere in Italia. Ma, certo, per il Made min Italy sarebbe l'ennesimo colpo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • felix.honda

    22 Dicembre 2014 - 13:01

    marchionne fai vomitare !!!

    Report

    Rispondi

  • totareo

    12 Dicembre 2014 - 09:09

    ferrari,come fiat e altre aziende non sono associazioni no profit,hanno soci e il dovere di fare utili.pagare le tasse e vederne i benefici per il paese è una soddisfazione e stimolo a continuare,rendersi conto che la ricchezza è spartita tra politi e mafiosi tt pota considerare altre opportunità.tra queste andarsene da un paese lnfetto e inguaribile.

    Report

    Rispondi

  • gpira

    11 Dicembre 2014 - 19:07

    Protesta popolare contro Marchionne

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    11 Dicembre 2014 - 15:03

    grazie agli imbecilli che costrinsero la FIAT a tenersi i sindacalisti cretini che spaccarono la catena di montaggio. E ora chiediamo agli imbecilli (statali) che ne pensano se gli imprenditori veri scappano e loro (statali) restano a fare danni. Imbecilli. Queste imbecillit'a poi hanno un costo. Salatissimo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog