Cerca

Il vademecum

Martedì la pioggia di tasse: cosa succede a chi non paga in tempo Tasi e Imu

Martedì la pioggia di tasse: cosa succede a chi non paga in tempo Tasi e Imu

Mancano poche ore al "martedì nero" delle tasse tutte italiane: entro il 16 dicembre gli italiani sono chiamati a versare al Fisco la bellezza di 44 miliardi di euro. L'importo è quello dovuto dalle scadenze di fine anno: dal versamento Iva fino all'ultima rata Imu. Poi c'è la Tasi, quindi la Tari e da par loro i lavoratori autonomi dovranno saldare l'Irpef. Ma non è tutto: l'elenco delle gabelle si arricchisce dall'imposta sostitutiva sulla rivalutazione del Tfr e dalle ritenute sui bonifici per le detrazioni Irpef. Una vera e propria pioggia di tasse, dunque, che rischia di essere ancor più pericolosa perché, secondo Federconsumatori, un italiano su quattro rischia di non ricevere la tredicesima fino alla prossima primavera a causa della crisi economica che attanaglia molte imprese.

E chi non paga? - Ma cosa succede, a chi non paga? Si parte da Imu e Tasi, attese entro il 16 dicembre. Per chi, per diverse ragioni, non potrà saldare, la prima strada è quella del ravvedimento operoso, ossia la possibilità di mettersi in regola versando l'arretrato dell'imposta maggiorato da una piccola sanzione. Prima, però, è bene informarsi sulle decisioni prese dal proprio Comune: infatti, in occasione del versamento della prima rata, a causa dei ritardi che in particolare avevano contraddistinto l'avvio della Tasi, il ministero delle Finanze aveva concesso ai Comuni la possibilità di stabilire un "periodo cuscinetto" successivo alla scadenza, entro il quale, insomma, non si dovrà pagare alcuna sanzione. Controllate: magari il vostro Comune ha allungato i tempi del pagamento dell'imposta, e siete esenti dalle sanzioni.

Quale ravvedimento - Se però il vostro Comune non ha stabilito slittamenti del pagamento, il contribuente tardivo dovrà pagare una multa e gli interessi. L'entità però sarà contenuta, grazie proprio al ravvedimento operoso. Se si paga entro i primi 14 giorni oltre la scadenza (ossia entro il 30 dicembre), si potrà godere del cosiddetto "ravvedimento sprint", che prevede una maggiorazione dello 0,2% per ogni giorno di ritardo in aggiunta agli interessi legali, pari all'1% annuo. Dal primo gennaio 2015, invece, scatta il "ravvedimento breve", con una maggiorazione fissa del 3% che sarà possibile utilizzare fino al 15 gennaio, sempre con l'aggiunta degli interessi legali. Dopo questo termine scatta il "ravvedimento lungo", con una maggiorazione del 3,75% che vale per un anno, fino al 16 dicembre 2015: passato questo termine scatterà la sanzione piena, pari al 30% di quanto dovuto.

In attesa del "sì" - Attenzione, però: il quadro appena descritto, a rigor di legge, è ancora teorico. Infatti le regole del nuovo ravvedimento operoso sono contenute all'interno della nuova legge di Stabilità, in via di approvazione definita in Parlamento. Nel caso in cui la legge di Stabilità venga approvata, dal primo gennaio per mettersi in regola con il pagamento di Imu e Tasi, ci si potrà avvalere di queste nuove regole, che stabiliscono una sorta di ravvedimento extra-large, una decisione che va incontro al contribuente che solo dopo un anno di inadempienza sarà costretto a saldare la sanzione piena, pari al 30 per cento. La sanzione, per inciso, scatterà soltanto dopo un vero e proprio accertamento fiscale per mancato pagamento. Le nuove regole contemplano quelle già attualmente in uso, a cui se ne aggiungono tre nuove: sanzione al 3,3% entro 90 giorni, sanzione al 4,2% entro 2 anni e sanzione al 5% oltre 2 anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • emminparis

    06 Dicembre 2015 - 16:04

    Mio marito rifiuta di vendere l'appartamento (di lusso) posseduto 50/50. Sono francese, tornata a Parigi, pero devo pagare l'IMU per 2700€. Non ho i soldi (devo ora pagare un affitto). Anche quando avro il divorzio, la legge italiana non prevede la liquidazione dei beni. Sapere se per forza il Comune puo liquidare l'appartamento se non pago? E la mia unica speranza, anche se fosse venduto male.

    Report

    Rispondi

  • emminparis

    06 Dicembre 2015 - 16:04

    Mio marito rifiuta di vendere l'appartamento (di lusso) posseduto 50/50. Sono francese, tornata a Parigi, pero devo pagare l'IMU per 2700€. Non ho i soldi (devo ora pagare un affitto). Anche quando avro il divorzio, la legge italiana non prevede la liquidazione dei beni. Sapere se per forza il Comune puo liquidare l'appartamento se non pago? E la mia unica speranza, anche se fosse venduto male.

    Report

    Rispondi

  • navi980

    31 Marzo 2015 - 11:11

    Io non lavoro da più di 2 anni e sono senza una lira con una famiglia da mantenere, come cavolo si fa a pagare tutte queste tasse? Pensate prima a circolare soldi per le famiglie che è la cosa più importanti, non solo e sempre tasse. Avete rotto

    Report

    Rispondi

  • highlander5649

    16 Dicembre 2014 - 11:11

    tutti si lamentano main banca ed alla posta ho notato code *sovietiche* quelle ante 1993 per intenderci. ieri mattina per fare una semplice operazione di pagamento di un solo f24 ho dovuto attendere 2 ore e 15 minuti allo sportello non per colpa mia ma perchè i computer erano andati in tilt. per via dei pagamenti telematici e altro. meglio ridiventare cavernicoli

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog