Cerca

Il Jobs Act in Consiglio dei ministri

Licenziamenti, verso lo stop al reintegro

Domani, due giorni prima di Natale, il primo decreto attuativo del Jobs Act arriverà per l'approvazione sul tavolo del Consiglio dei ministri. Si tratta di dieci articoli che regolano le nuove assunzioni fatte col contratto a tutele crescenti, compreso l'articolo 18. Molti punti sono ancora in discussione, ma il quadro comincia ad essere più definito. La novità forse più rilevante rispetto alle ipotesi emerse nelle scorse settimane riguarda la cosiddetta "opzione aziendale" in caso di reintegro ordinato dal giudice in seguito a un licenzimento discriminatorio o disciplinare. L'opzione, già prevista in Germania e in Spagna, prevede che l'azienda possa "superare" il reintegro deciso dal giudice (appunto perchè il licenziamento è stato giudicato discriminatorio per motivi razziali o politici o perchè deciso sulla base di un fatto materiale insussistente) pagando un indennizzo più alto al lavoratore. Fino a 30 o 36 mensilità contro le massimo 24 previste negli altri casi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • miraldo

    23 Dicembre 2014 - 19:07

    Renzi vacci piano con il fiasco del tuo amico di Pontassieve.

    Report

    Rispondi

  • gerrycat

    23 Dicembre 2014 - 17:05

    questo é come mortadella! A ridere e prende in giro gli italiani!

    Report

    Rispondi

blog