Cerca

Le nuove norme

Reati fiscali, salterà un processo su tre

Reati fiscali, salterà un processo su tre

Novità sui processi per i reati fiscali. L'innalzamento della soglia di punibilità per omesso versamento dell'Iva e delle ritenute (dai 50 mila euro attuali a 150mila) farà cadere circa un terzo dei procedimenti. Uno su tre dei processi in corso per i reati di omesso versamento Iva e ritenute è destinato a essere archiviato. Sarà questo il primo effetto delle soglie di punibilità più elevate, previste dallo schema di decreto legislativo sulla certezza del diritto, esaminato in prima lettura dal Consiglio dei ministri della vigilia di Natale. Come racconta il Sole 24 Ore , l'intervento attua i principi stabiliti dalla delega fiscale, concentrando l'azione penale sulle ipotesi più gravi di frode e, allo stesso tempo, allentando la presa sulle violazioni più strettamente legate alla crisi economica. Si tratta, in particolare, dei reati di omesso versamento di Iva e di ritenute. Oggi il fascicolo in Procura viene aperto se la somma non versata supera i 50mila euro. Invece, se il testo esaminato dal Governo (e inviato alle commissioni parlamentari per i pareri) verrà confermato, la soglia per il penale salirà a 150mila euro. Per le violazioni sotto questo importo si applicherà solo la sanzione amministrativa. 

Processi - Conti alla mano, se consideriamo le notizie di reato pervenute negli ultimi tre anni in 38 Procure tra quelle interpellate nelle scorse settimane, significherebbe archiviare circa 8.500 fascicoli su poco più di 25mila. A questo poi andrà sommato il dato sui procedimenti pendenti, anche alla luce del fatto che un numero elevato di fascicoli è stato “chiuso” nel 2014 e altri lo saranno anche nei prossimi anni per effetto della sentenza della Corte costituzionale dello scorso aprile (80/2014) che ha allineato le soglie di punibilità fino all'estate 2011 tra omesso versamento e omessa dichiarazione Iva. Per far uscire dalle Procure i fascicoli con le violazioni più contenute, inoltre, la bozza di decreto legislativo esaminato dal Governo esclude il reato in tutti i casi in cui l'importo delle imposte - sui redditi e Iva - evase non supera il 3% di quelle dichiarate. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • andresboli

    04 Gennaio 2015 - 16:04

    da un governo di destra che cosa ci si poteva aspettare? meno tassi ai ricchi e bastoniamo i poveri, tanto loro non si possono difendere, ecco che si scoprono pian piano gli accordi con berlusconi e brunetta gode lui che ha sempre diveso la riduzione delle tasse solo ai ricchi

    Report

    Rispondi

  • carlooliani

    04 Gennaio 2015 - 15:03

    Gli scemi si vedono dai commenti che fanno. Quelli giustizialisti sono sempre molto acuti... Non hanno tolto né gli obblighi a pagare né le sanzioni ma solo i processi penali per valori che non sono da processo penale. Generalmente i giustizialisti sono sempre dipendenti e parassiti e hanno la smania di punire e penalizzare gli altri per qualsiasi cosa che pensano non li tocchi.

    Report

    Rispondi

  • colian

    03 Gennaio 2015 - 12:12

    Benissimo. Non verserò più l'Iva a uno Stato ladro, corrotto, che stipendia raccomandati, incapaci e fannulloni, che elargisce stipendi e pensioni d'oro a burocrati idioti.

    Report

    Rispondi

  • CARLINOB

    03 Gennaio 2015 - 11:11

    Pene più morbide : siamo gli unici al mondo che vanno .. . . controcorrente : questo è uno Stato Mafia !!! Poi non vi dovete chedere se mi capita di sistemarmi e denti , di fare una mezza ristrutturazione in nero : sono un dipendente e queste diventano le uniche occasioni per sistemare qualchecosa : e non venitemi a fare la morale che non siamo tutti nati nella camera dei salami!!

    Report

    Rispondi

    • carlooliani

      04 Gennaio 2015 - 15:03

      Quello che dici lo faresti comunque. Ma vuoi che solo gli altri siano puniti. Così giustifichi il tuo operato. Se fossi onesto, dovresti chiedere di estendere il reato penale a tutti i dipendenti che fanno quello che tu dici e che lo fanno impunemente al riparo delle trattenute salariali che paga la ditta, non loro. Ma se la ditta sbaglia di una virgola, allora processo penale e galera magari.

      Report

      Rispondi

blog