Cerca

Alta tensione

Euro a rischio, ecco il piano di Draghi per salvarlo

Euro a rischio, ecco il piano di Draghi per salvarlo

La crisi greca e la crescita che non arriva rischiano di mettere a dura prova la tenuta dell'euro. Così a Bruxelles e a Francoforte all'Eurotower è allarme rosso. Draghi prepara un piano per evitare la fine della moneta unica. Gli interventi dovrebbero toccare alcune delle innovazioni che i governi europei lanciarono due anni fa per fermare l’implosione del sistema, a partire dall’unione bancaria. La vigilanza sulle banche fu affidata alla Bce, ma ora rischia di entrare in conflitto con le scelte dell’Eurotower sui tassi d’interesse o la liquidità da offrire agli istituti stessi. Di qui l’idea di creare un’autorità europea indipendente votata a sorvegliare gli istituti di credito. 
Il 2015 dovrebbe essere l'anno decisivo per capire se l’area euro può rafforzarsi andando avanti e avere un futuro, ma l’anno inizia da un nuovo terremoto con epicentro ad Atene. Syriza si sta avvicinando al potere in Grecia grazie alla promessa di ripudiare buona parte del debito verso gli altri Paesi europei. Nel 2015 Atene deve rimborsare agli investitori privati titoli per 16 miliardi di euro: se voltasse le spalle all’Europa e i creditori le tagliassero i rifornimenti, il prossimo governo greco non avrebbe altra scelta che tornare a stampare moneta propria per continuare ad esistere. Sarebbe un segnale per tutti, Italia inclusa, che l’euro non è per sempre e il solo sospetto che la porta d’uscita si è aperta può bastare a far salire i tassi d’interesse verso livelli pericolosi.

Le mosse - Per questo il calendario del prossimo mese ricorda il percorso in un campo minato. Fra nove giorni il consiglio direttivo della Bce si riunisce per discutere se e cosa decidere all’incontro seguente, fissato tre giorni prima delle elezioni greche del 25 gennaio. Le ipotesi sul tavolo sono note: fra i 24 banchieri centrali al vertice dell’Eurotower c’è un’ampia maggioranza per iniettare nuova liquidità nell’economia lanciando un piano di acquisti di titoli di Stato da almeno 500 miliardi di euro. Senza interventi di questa portata l’Europa non può emergere dalla deflazione che ora sta aumentando in modo insostenibile il peso dei debiti pubblici e privati in tutta l’area. Ma al piano Draghi si oppone la Germania. Jens Weidmann, il presidente della Bundesbank, è contrario: per lui mettere sul bilancio della Bce titoli di Stato di Roma, Madrid o Lisbona significa esporre la Germania a perdite se quei Paesi facessero default, perché la Bundesbank è azionista dell’Eurotower per circa il 30% del capitale. Così, per Draghi resta tutt’altro che facile mettere in minoranza la Bundesbank e obbligare la Germania a farsi carico tramite la Bce del rischio su centinaia di miliardi di debito italiano, portoghese o spagnolo. Il rischio sui Btp del Tesoro di Roma comprati dalla Bce sarebbe concentrato tutto sulla Banca d’Italia, quello sui Bonos alla Banca di Spagna, e così via. Anche questa ipotesi però ha controindicazioni, perché può segnare un cambio profondo nella natura delle istituzioni europee. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ryckard56

    30 Dicembre 2014 - 15:03

    l' euromostro continua a mietere vittime e continuerà a farne.fino a quando questi euro cervellotici cervelloni massoni vorranno continuare a rimanere in questo megagalattico errore della moneta unica non ci sara scampo.sicuramente ci sono dietro gli interessi di grandi gruppi bancari e finanziari che se si uscisse dall'euro gli rimarrebbe in mano titoli di stato spazzatura.

    Report

    Rispondi

  • vivalabici

    30 Dicembre 2014 - 13:01

    Mi sembra la storia del cocainomane che, continuando ad aumentare la quantità di droga che assume, va dritto verso la morte per overdose. Ho l'impressione che questi euroburocrati-banchieri-finanzieri non sappiano che pesci pigliare di fronte ad una situazione che sta loro sfuggendo di mano. E' il caso di gridare "Si salvi chi può"!

    Report

    Rispondi

  • allianz

    30 Dicembre 2014 - 12:12

    "L'euro rischia di saltare"....Una sola parola,categorica per tutti: SPERIAMO.

    Report

    Rispondi

  • 30 Dicembre 2014 - 11:11

    L'Euro che salta???? Finalmente una BELLA NOTIZIA per gli ITALIANI VERI!!! Non Coop!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog