Cerca

Quantitative easing

Effetto Draghi: mutui e prestiti più facili e meno cari

Effetto Draghi: mutui e prestiti più facili e meno cari

"Quantitative easing". Fino a qualche giorno fa, solo gli addetti ai lavori conoscevano il significato di questo termine finanziario. Ma era così anche per il termine "spresd" e poi abbiamo visto com'è finita. Nei prossimi mesi, di "quantitative easing" si parlerà spesso, e si spera volentieri, vista la mossa annunciata nei giorni scorsi da Mario Draghi, con la Banca centrale europea che metterà sul piatto 600 miliardi di euro a "botte" di 50 al mese per acquistare titoli di Stato. Da chi li acquisterà? Dagli istituti di credito dei Paesi di Eurolandia, che hanno le casse piene di bond governativi. Coi soldi ricevuti dalla Bce, come scrive oggi il quotidiano Il Giorno, le banche dovrebbero essere stimolate ad allargare i prestiti concessi alle famiglie e alle imprese, dando così ossigeno sia alla produzione che ai consumi e così determinando un effetto visrtuoso su tutta l'economia di Eurolandia. Mutui e prestiti saranno (o dovrebbero essere) meno cari, in un periodo in cui già il tasso Euribor è sceso sottozero, con un segno davanti negativo. Una situazione, quella di prestiti più facili e meno cari, che dovrebbe spingere le attività finanziarie delle famiglie. Dirette con ogni probabilità più verso la Borsa che non verso i titoli di Stato, che proprio per effetto della mossa di Francoforte dovrebbero diventare più cari e con interessi più bassi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vacabundo

    24 Gennaio 2015 - 14:02

    Sig.ra Merkel,non compri titoli italiani, le stanno mettendo un cappio,i titoli italiani è spazzatura,mi dispiace dirlo io un italiano ma è così,Sig.Merkel, se la Germania ha titoli italiani li venda e così vedrà chi li compra.Sono italiano ma ammiro la vostra nazione,siete gente che se dite A è A,siete gente lavoratori,siete gente che non regalate niente però date tutto a chi lavora con serietà

    Report

    Rispondi

  • vacabundo

    24 Gennaio 2015 - 14:02

    Personalmente credo che questa manovra arricchirà chi ci potrà speculare.E chi se non le banche?Questa manovra non porterà nessun beneficio al popolo che ne ha di bisogno,al contrario porterà più inflazione ed ancora una volta come sempre ci rimetteremo noi poveri operai,pensionati con poco reddito e sopratutto i giovani che non hanno un lavoro non perchè non lo cercano ma perchè non c'è lavoro.

    Report

    Rispondi

  • pestifero

    24 Gennaio 2015 - 14:02

    Viene da chiedersi quali siano queste agevolazioni sui mutui. Finchè non vedo un precario ottenere un mutuo non ci crederò. Inutile parlare di agevolazioni quando manca il lavoro

    Report

    Rispondi

  • cicalino

    23 Gennaio 2015 - 11:11

    Il più grande crimine economico è stata l'invenzione del pagamento del privato a rate, la scellerata idea di inculcare il debito agli italiani...Prendi oggi paghi domani, comode rate. Hanno comprato il futuro delle giovani coppie, come il quel film di Don Camillo, hanno comprato l'anima. Delinquenti! Bisogna insegnare ai giovani a pagare coi soldi, quando li hanno, a rifiutare prestiti e debiti!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog