Cerca

I nostri soldi

Ciclone Tsipras, occhio alle Borse: sì può anche guadagnare. Scopri come

Ciclone Tsipras, occhio alle Borse: sì può anche guadagnare. Scopri come

La netta vittoria di Alexis Tsipras alle elezioni in Grecia non ha scosso i mercati come in molti si aspettavano. Ma non è escluso che nelle prossime settimane, quando il primo ministro dovrà affrontare la Troika, le Borse possano risentirne pesantemente. Ecco allora che bisognerà stare molto attenti agli investimenti e magari anche riuscire a guadagnare qualcosa. Come? Claudio Barberis, responsabile asset allocation di MoneyFarm, sul Giornale consiglia di puntare ora sui titoli di Stato europei legati all'inflazione, i cosiddetti inflation linked bond. "Negli ultimi mesi", spiega, "questi titoli hanno registrato performance inferiori alla media di mercato, perché si ipotizzava un' inflazione a zero o, addirittura, la deflazione. Ma ora i prezzi al consumo potrebbero gradualmente ripartire e quindi questi titoli offrire interessanti extra-rendimenti senza rischi eccessivi". Un altro modo per strappare guadagni più rotondi rispetto a quelli vicini allo zero dei Bot, è rappresentato dai bond societari in euro, sia con il rating investment grade (cioè i più solidi) che high yield (meno affidabili ma con cedole più generose di circa tre punti percentuali rispetto ai titoli di Stato di uguale durata). Infine, una piccola quota del portafoglio (5%) può essere dedicata ai bond dei Paesi emergenti in valuta locale, in quanto queste potrebbero rivalutarsi sull' euro nei prossimi 6-12 mesi.

Azioni - Gianluca Verzelli, vice direttore centrale di Banca Akros, consiglia di puntare soprattutto sulle azioni europee e sui settori difensivi di Wall Street, come il farmaceutico, l'alimentare e i trasporti. "Se l'economia europea dovesse poi dare segni di risveglio", dice al Giornale, "potrebbe essere interessante aumentare l'investimento sui settori ciclici", cioè quelli più direttamente legati all'andamento dell'economia. In pratica, comperare le azioni di società industriali, di costruzioni e media. Il passaggio dai bond alle azioni, avverte Verzelli, deve essere "graduale e ragionato, meglio se con l'aiuto di un esperto".

Qe - In vista della svalutazione dell'euro rispetto alle principali valute estere prevista dal Qe, Claudio Barberis consiglia una diversificazione valutaria del 25-30% del portafoglio che dovrebbe essere composto dal 40% in azioni e per il 60% da bond. Quest' ultima parte del giardinetto dovrebbe poi essere impiegata "per il 30% in titoli governativi euro, per il 20% in corporate bond euro, per il 5% in high yield euro e per il restante 5% in bond dei mercati emergenti in valuta locale".

Per chi vuole rischiare - Infine i consigli per chi è abile ed è disposto a correre il massimo rischio per guadagnare il più possibile. A loro gli esperti raccomandano i contratti future. Ennio Montagnani sul Giornale fa alcuni esempi: se l' obiettivo è la Borsa di Francoforte, che è ritenuta una di quelle che potrebbe apprezzarsi di più nei prossimi mesi grazie alla ripresa della zona euro e alla svalutazione della moneta unica, è possibile investire sul future Dax. Occorrono però almeno 18.750 euro (cioè il 7,5% del capitale nominale pari a 250 mila euro). Ovviamente, se si investe al rialzo e l' indice di riferimento scende si rischia di perdere anche tutto il capitale in una sola giornata. In aiuto agli investitori c' è, tuttavia, la possibilità di attivare uno stop loss, un meccanismo automatico che permette di fissare la perdita massima.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Chry

    28 Gennaio 2015 - 04:04

    Il consiglio di Libero è puntare sull'Europa e l'euro?? certo che da un giornale che si augura il fallimento della moneta unica la dice tanto su chi vale la pena ascoltare

    Report

    Rispondi

blog