Cerca

Eurofregati

Romano Prodi al quotidiano tedesco Bild: "La Grecia non pagherà mai i debiti e può uscire dall'euro"

Prodi visto da Benny

Prodi visto da Benny

La Grecia non pagherà i suoi debiti e se rimarrà nell'euro solo il tempo potrà dirlo. A dirlo è l'uomo che ha trascinato l'Italia nell'euro e si è bevuto i conti farlocchi della Grecia. Ora il bronzeo professor Romano Prodi ci regala preziose lezioni su quanto il continente stia inguaiato in un'intervista al quotidiano tedesco Bild.

Eurofregati - La mazzata beffarda arriva già alla seconda risposta, quando il giornale tedesco chiede se in cambio di denaro fresco per la Grecia ci devono essere condizionalità? "Le condizionalità devono mantenersi in un quadro realistico - risponde l'ex presidente della Commissione Ue - Tutti sanno che la Grecia non pagherà mai i suoi debiti". La via da seguire per il Professore è fare come per la Germania dopo la Seconda guerra mondiale: "Non si può certo paragonare direttamente la Germania e la Grecia - chiarisce - Fu però molto saggio dal punto di vista politico tagtliare gran parte del debito della Germania nella conferenza di Londr del 1953. Grazie a questo la Germania ha otenuto la possibilità di crescere". Prodi quindi immagina si possa trovare un compomesso tra i creditori internazionali e la Grecia per esempio prorogando le scadenze o abbassando i tassi di interesse. Ma lui stesso crede che questa soluzione sia solo "un certotto" e quindi ci vuole "una decisione definitiva".

Senza rimorsi - Non ammette errori l'allora capo della commissione europea, la colpa era del sistema che non prevedeva controlli sui bilanci, né prima né dopo l'ingresso nella moneta unica. Tutta colpa, dice Prodi: "Di Italia, Germania e Francia". Ed è sempre colpa della Germania secondo Prodi se l'eurozona è stata travolta dalla crisi del 2010: per motivi elettorali, i tedeschi della Cdu non hanno permesso di "adottare misure che sarebbero costate solo tra 30 e 40 miliardi di euro".

Fuori la Grecia - Quel che deciderà di fare Alexis Tsipras nei confronti dell'eurogruppo rimane un'incognita: "Tutto si può immaginare - si sbilancia Prodi - Ma se la Grecia uscisse, il mondo avrebbe davanti ai suoi occhi la certezza che l'euro potrebbe fallire in ogni momento".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    26 Maggio 2015 - 11:11

    Non accettiamo lezioni da questo squallido individuo.Ha già fatto troppi danni.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    10 Marzo 2015 - 17:05

    Quando mai mortadella ha avuto vergogna?Sapeva che con il debito pubblico che avevamo nessuno ci voleva in Europa.Ha taroccato i conti con l'altro amico suo Corvo Marcio e ci ha infilato a forza nel primo gruppo quando dovevamo starcene alla finestra a vedere quello che succedeva.Ignorante e presuntuoso.E meno male che insegna economia a Bologna.Buttarlo fuori a calci dall'università no?

    Report

    Rispondi

  • csegiusep

    16 Febbraio 2015 - 23:11

    Se il mortadella avesse un minimo di capacità a governare non co avrebbe trascinati con l'euro in questo pantano

    Report

    Rispondi

  • IlSupervisore

    16 Febbraio 2015 - 22:10

    Maledetto prodi! E' anche colpa sua se ci troviamo in questo casino, con il cambio che ha accettato sto deficiente! Con quel sorriso da ebete sempre stampato in faccia, quante nefandezze ha commesso quando era all'iri...professore di scocca...e volevano farlo anche presidente della repubblica

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog