Cerca

Dopo il lutto

Morte di Michele Ferrero, che ne sarà della Nutella?

Morte di Michele Ferrero, che ne sarà della Nutella?

Oggi, mercoledì 18 febbraio, si sono svolti i funerali di Michele Ferreo ad Alba. Ma già si inizia a pensare al futuro dell'azienda, se il miracolo made in Italy del nonno della Nutella riuscirà a sopravvivere senza di lui. La vera paura è che venga venduta l'azienda, i pretendenti sono i soliti colossi Nestlé e Mars. Ma l'erede Giovanni, che da cinque anni si occupa dell'amministrazione dell'azienda smentisce: "Ferrero non è, né sarà in vendita, se non per i suoi consumatori". Il che vuol dire che almeno per ora la Ferrero continuerà a vendere i tanto amati barattoli di Nutella. 

Restare glocal - L'affermazione di Giovanni Ferrero rassicura soprattutto i 10mila albesi che hanno paura soprattutto di uno sconvolgimento dell'equilibrio "glocal", detta in altre parole di perdere il lavoro. E non solo: per glocal, infatti, si intendono tutti i benefit di cui hanno goduto i dipendenti Ferreo, come la rete di trasporti aziendali che "nel corso del tempo ha garantito ai contadini delle Langhe di venire a lavorare in fabbrica continuando a coltivare le vigne", come racconta il sindaco di Alba Maurizio Marello. Il futuro di queste 10mila persone è nelle mani di Giovanni Ferrero

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • etano

    19 Febbraio 2015 - 13:01

    Se fossi un industriale con capitali acquisterei un bilico di prodotto, lo avvelenerei con clorato idralio superconcentrato che non ha sapore e lo regalerei alle molte famiglie rom presenti in Italia per la gioia dei loro feti che rubano e rapinano già dagli 8 anni in su. Sarebbe veramente un atto di cristiana carità verso le famiglie italiane.

    Report

    Rispondi

  • aldo42

    18 Febbraio 2015 - 23:11

    La Nutella resterà ad Alba dove è stata creata. Giovanni Ferrero non può tradire la fiducia di Pietro e Michele e tutto proseguirà nel solco tracciato nel tempo da un grande albese " Monsù Michel" patron della Ferrero spa.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    18 Febbraio 2015 - 23:11

    Se passa ai figli nel giro di 5 anni va in fallimento.

    Report

    Rispondi

  • fofetto

    18 Febbraio 2015 - 20:08

    Ma perchè i pseudo giornalisti del cactus inventano false notizie? A che scopo? Loro cosa ci guadagnano? E smettetela di insinuare dubbi e fare illazioni stupide. A chi tirano la volata? Io ne ho già abbastanza dei pseudo giornalisti di una famosa testata automobilistica che continuano a tirare la volata alle auto tedesche. Ma loro almeno hanno i padroni che sono tedeschi.

    Report

    Rispondi

blog