Cerca

Meno sindacati

Jobs Act, le nuove regole su demansionamento, ispezioni e contratto individuale

Jobs Act, le nuove regole su demansionamento, ispezioni e contratto individuale

Il decreto sulla riforma del lavoro del governo Renzi, varato dal Consiglio dei ministri il 20 febbraio, introduce nuove regole per lavoratori e datori di lavoro con l'intenzione di agevolare nuove assunzioni, riducendo però alcune tutele.

Cambio ruolo - Un dipendente può essere "demansionato", cioè l'azienda lo può destinare ad altri compiti riducendo però il suo status di un solo livello e senza modifarne il salario. Il demansionamento è possibile in caso di ristrutturazione o riorganizzazione aziendale. Slitta all'inizio del 2016 l'istituzione dell'Agenzia unica ispettiva per contrastare le illegalità sul luogo di lavoro.

Contratto individuale - Eventuali modifiche al contratto possono essere portate avanti individualmente tra dipendente e datore di lavoro in "sede protetta", cioè in presenza di una rappresentanza sindacale. Le modifiche possono riguardare la modifica del livello e della retribuzione al fine di conservare il posto di lavoro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • forzaitalia1

    22 Febbraio 2015 - 10:10

    Quale titolare demansiona un operaio e gli da lo stesso stipendio? non è mica ignorante. se un operaio non vale e giusto che vada a casa. questo sarebbe da fare anche con i statali e ancora di più con i nostri politici. saremo la prima nazione senza politici e forse allora si riduce il nostro deficit che diventa sempre più grande anche se paghiamo sempre di più, vergogna.

    Report

    Rispondi

  • ramius

    21 Febbraio 2015 - 20:08

    bellissimo una vera norma di civiltà fine 800

    Report

    Rispondi

blog