Cerca

Jobs Act, le nuove regole sui licenziamenti senza articolo 18 e con tutele solo economiche

Jobs Act, le nuove regole sui licenziamenti senza articolo 18 e con tutele solo economiche

Il decreto sulla riforma del lavoro del governo Renzi, varato dal Consiglio dei ministri il 20 febbraio, introduce nuove regole per lavoratori e datori di lavoro con l'intenzione di agevolare nuove assunzioni, riducendo però alcune tutele.

Via l'art. 18 - Per i nuovi contratti a tempo indeterminato, possibili dal 1 marzo 2015, non ci saranno le tutele finora coperte dall'art.18 dello Statuto dei lavoratori, ma ci saranno condizioni di tutela crescente. Il reintegro sarà possibile solo dopo il riconoscimento di un licenziamento nullo o discriminatorio, oltre che nei casi in cui fosse accertato che la causa scatenante il licenziamento non sussista.

Rimborso - In tutti gli altri casi in cui avviene un licenziamento "ingiustificato" che sia individuale o collettivo, il lavoratore godrà solo di tutele economiche, in proporzione all'anzianità di servizio. Le regole non cambiano, invece, per le piccole imprese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    22 Febbraio 2015 - 07:07

    Va bene tutto ma noi vogliamo sapere che cosa ci facevano dei delinquenti al tavolo del Poletti, alias uomo COOP. E che cosa ci fa lui al governo da ex uomo COOP-

    Report

    Rispondi

blog