Cerca

Riforma previdenziale

Pensioni, Palazzo Chigi studia la strada per anticiparla

Pensioni, Palazzo Chigi studia la strada per anticiparla

Giuliano Poletti riparte all'attacco per riformare le pensioni. Ieri in una intervista rilasciata ad Avvenire il ministro del Lavoro ha rilanciato il tema della flessibilità, osservando tra l'altro che potrebbe convenire alle stesse imprese: "Quanto costa in termini di competitività tenere al lavoro persone che già hanno dato tutto?". Non solo. Se non venissero introdotti "elementi di flessibilità" ci saranno ondate di lavoratori anziani espulsi dalle aziende ma lontani dal raggiungimento dei requisiti per la pensione che, una volta, esaurito il sussidio di disoccupazione, resterebbero senza reddito. Il problema è che intervenire per mandare in pensione i lavoratori prima di quanto preveda la legge Fornero costa e crea problemi con la Commissione europea.

Le proposte Ncd - Ecco allora che sono allo studio varie proposte tra cui quelle del presidente della commissione Lavoro del Senato, l'Ncd Maurizio Sacconi che la Stampa ha anticipato. Innanzitutto per l'ex ministro va incentivata, nel caso di accordi tra azienda e dipendente sull'uscita anticipata dal lavoro con l'azienda che integra i contributi previdenziali del lavoratore. Secondo Sacconi si dovrebbe poi rendere molto più conveniente di ora il riscatto della laurea. Misure che avrebbero un duplice effetto: aumentare il risparmio previdenziale e quindi l'importo della pensione; aiutare in molti casi chi rimane senza lavoro ma non ha i contributi sufficienti (ne servono 42 anni e mezzo) ad andare in pensione. Il tutto, continua Sacconi, andrebbe accompagnato dal "fascicolo elettronico della vita attiva" per un monitoraggio del conto corrente previdenziale, con l'obiettivo di stimolare il lavoratore ad "accrescere il suo gruzzolo contributivo". E poi, ricorda la Stampa, c'è sempre la vecchia proposta del governo Letta del mini anticipo: chi è a 2-3 anni dalla pensione e resta senza lavoro può chiedere un anticipo di 6-700 euro al mese che poi restituisce in piccolissime rate quando scatta l'assegno pieno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    24 Febbraio 2015 - 10:10

    E' ora di finirla di far fare leggi a persone che sanno, per certo, che quelle stesse leggi nn saranno applicate a loro.......

    Report

    Rispondi

  • Oscar1954

    23 Febbraio 2015 - 17:05

    Le proposte per inculare il più possibile gli operai dopo una vita dilavoro, vengono attuate sempre, solo ed esclusivamente da governi di sinistra. I sinistronzi, cioè coloro che a voce dicono di essere i difensori del popolo debole, sono in realtà coloro che se potessero, pur di non perdere i loro privilegi, farebbero mangiare al Popolo carboni accesi. Brutti figli di puttana.

    Report

    Rispondi

  • RULI5646

    23 Febbraio 2015 - 12:12

    Vorrei lanciare una proposta a Renzi e a tutti coloro che stanno pensando al problema pensioni. Ci sarebbe una via semplicissima: trasformare le future pensioni in indennità regionali e non ci sarebbe più bisogno di fare calcoli stratosferici di età, anzianità e contributi versati. Dategli gli stessi soldi che date a QUEI PORCI mese dopo mese e nessuno protestetrà. E' SEMPLICISSIMO !!!

    Report

    Rispondi

  • arwen

    23 Febbraio 2015 - 12:12

    Le due possibilità....Morire di fame con una pensione minima, morire sul posto di lavoro!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog