Cerca

L'ultima tassa di Renzi

Ddl concorrenza, cambio operatore di telefonia: "Una stangata fino a 100 euro"

Ddl concorrenza, cambio operatore di telefonia: "Una stangata fino a 100 euro"

Un'amarissima sorpresa nascosta nel decreto concorrenza varato dal governo Renzi: cambiare operatore di telefonia - sia fissa che mobile - diventerà oneroso. Molto oneroso. Insomma, prima di passare da un marchio all'altro per godere di offerte più convenienti, ora, ci si dovrà pensare a lungo. Già, perché nel testo approvato venerdì 20 febbraio nel corso del Consiglio dei ministri si spiega: "Nel caso di risoluzione anticipata (...) l'eventuale penale deve essere equa e proporzionata al valore del contratto e alla durata residua della promozione offerta". In soldoni torna la penale che la legge Bersani aveva eliminato lasciando esclusivamente i costi tecnici dovuti alla eventuale disattivazione. Nel dettaglio, la legge Bersani recita: "I contratti per adesione stipulati con operatori di telefonia e di reti televisive e di comunicazione elettronica, indipendentemente dalla tecnologia utilizzata, devono prevedere la facoltà del contraente di recedere dal contratto o di trasferire le utenze presso un altro operatore senza vincoli temporali o ritardi non giustificati e senza spese non giustificate da costi dell’operatore”.

I calcoli - Secondo le novità introdotte da Renzi, dunque, l'utente che cambierà operatore dovrà pagare una penale alla società con la quale disdice il contratto. L'importo verrà determinato dai restanti mesi e da quanto era stato pattuito in sede di stipula. Una stima del salasso la effettua il responsabile dei rapporti istituzionali per Altroconsumo, Marco Pierani, che spiega al Corriere dalla Sera: "Così facendo l'operatore può far pesare sulla fine anticipata del contratto, che non può essere superiore a 24 mesi, l'investimento in marketing per promuovere l'offerta". Insomma, se il decreto varato dal CdM venisse poi approvato, aggiunge, "si rischierà di andare oltre al centinaio di euro (di penale, ndr). Un doppio passo indietro, considerando che aspettavamo addirittura un limite concreto all'entità dei costi di disattivazione". Secondo Pierani, per quel che riguarda la telefonia mobile "il ritorno delle penali - riprende - rischia di peggiorare la situazione", a fronte dei costi comunque applicati per la chiusura dei rapporti. A questi costi potrebbero essere aggiunti le rate restanti dei telefonini compresi nell'accordo. La tassa reintrodotta da Renzi potrebbe riguardare una platea molto ampia: si pensi infatti che per circa il 20% delle Sim sul mercato il contratto stipulato cessa anzitempo. Stando all'ultimo dato trimestrale diffuso da Agcom, a fine settembe le linee trasferite hanno superato i 74 milioni di euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    27 Febbraio 2015 - 06:06

    Spiegate meglio le cose...A fine contratto non succede nulla.Si cambia operatore e basta,senzal'aggiunta della penale da pagare.

    Report

    Rispondi

  • cane sciolto

    25 Febbraio 2015 - 01:01

    Fino quanto la stragrande maggioranza di persone che gli piacciono i cetrioli datogli dai PDIOTI nel di d....o ci affondano speriamo in una siccità dove non si trovino più i cetrioli solo così ci si può salvare, x me me ne frega poco in quanto sono avanti con gli anta, mi dispiace solo per i giovani senza alcun futuro , meditate giovani che fin quanto ci sono i genitori che vi aiuta tutto OK e do

    Report

    Rispondi

  • lucadagenova

    24 Febbraio 2015 - 21:09

    le solite ruberie dei sinistronzi

    Report

    Rispondi

  • Paolo1946

    24 Febbraio 2015 - 14:02

    Così impariamo a non saltare da una promozione all' altra. Povere compagnie telefoniche per fortuna che c'è Matteo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog