Cerca

Venerdì in Cdm

Fisco, la riforma avrà due novità: e-fatture e scontrini digitali. E sul contante salta il tetto

Fisco, la riforma avrà due novità: e-fatture e scontrini digitali.  E sul contante salta il tetto

Venerdì il Consiglio dei Ministri, salvo imprevisti, varerà la riforma contro l'evasione fiscale con due importanti novità: l'e-fattura e lo scontrino digitale. In pratica, spiega Repubblica, andranno in soffitta nel giro di tre-quattro anni fatture, ricevute e scontrini fiscali cartacei ma anche i registri Iva e quelli dei clienti-fornitori, finalizzati ad eventuali controlli del Fisco, che oggi devono essere tenuti da chi esercita un'attività. Questi vecchi strumenti saranno sostituiti con supporti informatici, sul modello "cloud", che permetteranno a professionisti e commercianti di scambiarsi fatture in entrata e uscita tra di loro e all' Agenzia delle entrate di monitorare. Stesso sistema per gli "scontrini digitali": sarà necessario un aggiornamento delle tecnologie e dei registratori di cassa che sarà favorito con un credito d'imposta di 100 euro.

Contanti - Il governo sta inoltre riflettendo se alzare il tetto per il contante, ora fissato a 1.000 euro, a 3.000 euro. Del resto, ragionano a Palazzo Chigi, il reato di autoriciclaggio, i possibili rafforzamenti del falso in bilancio e la rinuncia a depenalizzare le fatture false, renderanno più difficile la circolazione di denaro nero e quindi sarebbero accettabili normali transazioni in banconote e monete metalliche. Di conseguenza si va, come ha annunciato il premier Renzi, verso un allargamento delle maglie per l' uso del contante. La norma, anticipa Repubblica, non è ancora materialmente presente nella bozza di decreto: se entrerà sarà tuttavia operativa contestualmente alla riforma elettronica del fisco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog