Cerca

La mossa della Orlandi

Agenzia delle Entrate, la delazione segreta contro gli illeciti: i dipendenti potranno segnalare i colleghi

Agenzia delle Entrate, la delazione segreta contro gli illeciti: i dipendenti potranno segnalare i colleghi

L'Agenzia delle Entrate si gioca la carta della delazione interna per rifarsi la faccia. Il direttore Rossella Orlandi chiede ai suoi dipendenti di "essere un esempio di legalità e onestà" e per questo ha già predisposto un "manuale" per incentivare le denunce contro gli abusi dei colleghi "esattori". "Nessuno deve nutrire dubbi su di noi, né tanto meno sul nostro modo di operare e servire il Paese", ha spiegato ancora la Orlandi. Per questo, il personale dell'Agenzia sarà supportato nelle segnalazioni di eventuali comportamenti illeciti, non solo reati, e condotte non confacenti all'autorità fiscale. Chi volesse smascherare qualche collega furbetto avrà a disposizione una casella email interna, dove comunicare i possibili abusi mantenendo però l'anonimato, per evitare così ogni ritorsione sul modello già in uso nelle amministrazioni anglosassoni. Il manuale dell'Agenzia sottolinea come chi fornirà notizie utili non sia da considerare "un delatore, ma un prezioso collaboratore spontaneo". L'obiettivo è quello di venire a conoscenza di accessi indebiti agli archivi informatici. irregolarità nell'uso della tessera per le presenze, rapporti ricorrenti con uno stesso consulente, interessamenti o richieste da parte di colleghi su uno specifico fascicolo. Le informazioni, come detto, saranno criptate così come l'identità di chi le ha fornite, a meno che ciò non impedisca la difesa dell'accusato in sede penale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 19cavaliere

    28 Febbraio 2015 - 12:12

    Ottima l'iniziativa. Chiedo: se un cittadino ritenesse di aver individuato, da parte di un'altro un comportamento lesivo delle leggi tributarie/fiscali e si recasse dalla Guardia di Finanza, per presentare un «esposto», perché non può essere informato sull'esito del suo esposto? Come evitare che il tutto venga insabbiato per «negligenza» o «complicità» (corruzione)? Chi controlla i controllori?

    Report

    Rispondi

  • steu60

    27 Febbraio 2015 - 17:05

    era così anche nell' unione sovietica ,e in tutti i paesi del blocco sovietico , solo che loro poi si sono evoluti , noi ci arriviamo con qualche decennio di ritardo dopo lo sfaldamento del blocco sovietico

    Report

    Rispondi

blog