Cerca

Debiti e crediti

Così le banche e il governo Renzi salvano Sorgenia e De Benedetti

Così le banche e il governo Renzi salvano Sorgenia e De Benedetti

Ora è ufficiale: le banche e il governo Renzi hanno salvato Carlo De Benedetti. Il tribunale di Milano ha dato via libera al riassetto del debito di Sorgenia, 1,8 miliardi di euro spalmati su 21 istituti (il Montepaschi Siena il più coinvolto, con 600 milioni). La società energetica controllata dalla Cir della famiglia De Benedetti e dall'austriaca Verbund ha iniziato così il suo piano di salvataggio passando di fatto sotto il controllo delle banche, con aumento di capitale da 398 milioni e prestito convertendo da 198 milioni. Come ricorda anche il Giornale, a De Benedetti è stato riservato in questi anni un trattamento di riguardo, visto che la tendenza delle banche soprattutto in tempo di crisi è quella di stringere i cordoni del credito e, obbligare i debitori a rientrare il prima possibile. E dire che l'editore di Repubblica ed Espresso attraversa con Sorgenia un lungo periodo nero: la sola centrale elettrica a carbone di Vado Ligure, per esempio, tra 2013 e 2014 ha perso la bellezza di 384,4 milioni, con un debito di 894 milioni.

L'aiutino del governo Renzi - Le banche però hanno pazientato, anche perché nel frattempo a migliorare la situazione finanziaria del colosso energetico è intervenuto il governo Renzi, di certo non nemico di De Benedetti (tessera numero uno del Pd). A fine giugno, infatti, il governo ha licenziato un decreto (firmato dal viceministro dello Sviluppo economico Claudio De Vincenti, vicino come sottolinea il Giornale a Bersani e Visco), pare all'insaputa del ministro Federica Guidi, per aumentare il cosiddetto capacity payment, un fondo pubblico istituito nel 2003 dal governo Berlusconi per concedere incentivi a quei produttori di energia che si impegnavano ad aumentare la produzione in caso di emergenze e picchi di richiesta. Bene, il governo Renzi ha messo in cassa 700 milioni di euro, dei quali a Sorgenia dovrebbe andare una somma compresa tra il 20 e il 25%, ossia almeno 150 milioni. Di fatto, soldi che andranno alle banche che salveranno De Benedetti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • compagno sovietico

    28 Febbraio 2015 - 16:04

    Quanta gente ignorante va dietro al ciarlatano e non si accorge che ne st facendo di cotte e di crude.Questa della Sorgenia è una delle tante e di mezzo c'è sempre l'MPS una banca fallita e che ha beneficiato sostanziale te dei 4 miliardi di euro versato dagli italiani per l'IMU.Povera Italia in mano ad una banda di violentatori dlla democrazia e delle regole di mercato.

    Report

    Rispondi

  • p.giavazzi

    28 Febbraio 2015 - 14:02

    È ora di rottamare il rottamare, se non altro perché sta dimostrando di essere tale e quale ai peggior politici del passato,

    Report

    Rispondi

  • deltabravo

    28 Febbraio 2015 - 10:10

    WWW Renzi il PCI il Pd sono i salvatori della patria si galera per loro e tutti quelli come loro ladri disonesti e vigliacchi questa è la loro mentalità togliere tutto ai poveri e ridarlo ai loro protetti questa è uguaglianza sociale secondo le loro mentalità e metrature di paragone ma ladri rimarrete sempre

    Report

    Rispondi

  • deltabravo

    28 Febbraio 2015 - 10:10

    WWW Renzi il PCI il Pd sono i salvatori della patria si galera per loro e tutti quelli come loro ladri disonesti e vigliacchi questa è la loro mentalità togliere tutto ai poveri e ridarlo ai loro protetti questa è uguaglianza sociale secondo le loro mentalità e metrature di paragone ma ladri rimarrete sempre

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog