Cerca

I consigli di Altroconsumo

Carte di credito, quando e dove conviene non pagare in contanti

Carte di credito, quando e dove conviene non pagare in contanti

Quando si parla di carte di credito, occorre per prima cosa sapere quale scegliere. Il secondo passo, altrettanto importante, è sapere quando conviene usare la carta al posto del contante. Altroconsumo innanzitutto consiglia di considerare il circuito (Visa e Mastercard sono preferibili, perché diffusi capillarmente) e di utilizzare la carta il più possibile nei negozi, perché molti emittenti rimborsano il canone annuo una volta superato un certo ammontare. Prelevare contante agli sportelli automatici, invece, in media costa intorno al 4%, cioè 4 ore ogni 100 euro prelevati. Da evitare poi la funzione revolving (rimborso a rate) perché il tasso medio è del 16,9 per cento. Nei negozi che aderiscono a un circuito di pagamento il cui logo è riportato sulla vetrofania del negozio stesso è vostro diritto usare la carta. Se il negoziante si rifiuta, il fatto va segnalato al circuito. E sulla questione incentivi-disincentivi, è bene ricordare che il negoziante non può aumentare il prezzo a chi paga con la carta ma, semmai, diminuirlo per chi paga in contante (o viceversa).

Le proposte al governo - Per incentivare l'uso della carta, che potrebbe convenire sia allo Stato (le spese di gestione dei contanti ammontano a 8 miliardi l'anno) sia ai consumatori, Altroconsumo avanza alcune proposte al governo: sgravi fiscali anche ai clienti e non solo ai commercianti, per esempio, magari con una riduzione del 2% sull'Iva per chi utilizza la carta o deduzioni a fine anno con l'estratto conto della carta stessa. Un modo già testato all'estero per ridurre l'evasione fiscale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • totareo

    03 Marzo 2015 - 10:10

    non ho ancora capito se con i miei soldi posso fare quello che mi pare o debbo chiedere permesso.sono sempre dell'idea di tenersi i risparmi sotto il materasso e spendere per quel che hai.a guadagnarci sono sempre gli altri qualsiasi istituto ti rivolgi.c'è un indirizzo universitario quinquennale"come fottere il prossimo" sembra che i posti sono sempre esauriti.

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    02 Marzo 2015 - 18:06

    Quando faccio il prelievo dalle poste non pago niente

    Report

    Rispondi

blog