Cerca

Leggine ad personas

Il Pd ci fa pagare i cassintegrati Alitalia

Il Pd ci fa pagare i cassintegrati Alitalia

Qualcuno, come i 36 piloti ex Alitalia e Meridiana pizzicati dalla Gdf qualche settimana fa, aveva persino deciso di arrotondare la cassa integrazioni lavorando illegalmente all’estero. Un bel coraggio, considerato che grazie ai contribuenti italiani i dipendenti delle compagnie aeree in esubero possono intascare fino a 30mila euro lordi al mese.

Ad alzare definitivamente il velo sul generoso aiutino pubblico destinato al personale di volo e di terra dei vettori nazionali, che in diverse occasioni anche noi di Libero abbiamo denunciato, è stato il neo presidente dell’Inps, Tito Boeri, nell’ambito dell’operazione trasparenza con cui la sezione del sito Inps chiamata «porte aperte» si ripropone di svelare i retroscena dei fondi speciali gestiti dall’istituto. Quello per il Trasporto aereo (Fsta), si legge nella scheda tecnica, preleva circa 220 milioni l’anno dai cittadini, «più del finanziamento annuo per la lotta alla povertà attraverso il Sostegno di inclusione attiva». La legge istitutiva del Fondo per l’integrazione dei trattamenti di mobilità, cig e solidarietà (del 2004) prevedeva un contributo solo a carico di datori di lavoro (0,375%) e dei lavoratori (0,125%), escluse le componenti accessorie del salario. Ma la musica è rapidamente cambiata.

Ed oggi l’Fsta è alimentato principalmente dall’addizionale comunale sui diritti d’imbarco di 3 euro. Un’anomalia a cui la Fornero ha dato un termine temporale (il 2014), ma che il Destinazione Italia di Letta nel dicembre 2013, con l’attuale premier Matteo Renzi che già faceva il severo cane da guardia del governo, ha tranquillamente prorogato fino al 2019 per agevolare la vendita di Alitalia agli arabi. A questo scopo l’addizionale è stata aumentata di 1 euro (era a 2) mentre la scorsa estate accordi di governo con le parti sociali hanno aumentato il periodo di godibilità del beneficio da parte dei lavoratori fino a 9 anni dai precedenti 7, aggiungendo anche il pagamento dei contributi previdenziali.

In questo periodo, alla faccia degli esodati, gli ex lavoratori delle compagnie aree prendono stipendi da favola semplicemente stando a casa. Il Fondo garantisce, infatti, un’integrazione del salario all’80%. Il che significa, come scrive Boeri, che i lavoratori percepiscono una prestazione che supera di gran lunga il massimale di 1167,91 euro previsto per cig e mobilità. Con assegni che scavallano spesso i 10mila euro lordi mensili e in alcuni casi limite si avvicinano ai 30mila euro. Il tutto dal 2007 al 2014 è costato quasi 1,4 miliardi. Di cui, stando alle percentuali definitive del 2013, il 98% a carico dei viaggiatori attraverso l’addizionale.

di Sandro Iacometti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • selenikos

    09 Marzo 2015 - 09:09

    ma forse non nasce tutto dalle scelte di Berlusca, quando ha voluto "salvare" l'Alitalia, o no? Cosa c'entra il PD con la Cassa Integrazione che per l'Alitalia, che esiste da anni?

    Report

    Rispondi

  • GIORGIOPEIRE@GMAIL.COM

    GIORGIOPEIRE

    09 Marzo 2015 - 08:08

    Questa è stata una mossa sbagliata del berlusca, doveva lasciarla fallire. Evidentemente il cervello gli ha fatto lippa.

    Report

    Rispondi

  • demidemi

    09 Marzo 2015 - 08:08

    se l avessero regalata 30 anni fa ne avremmo guadagnato.tutte queste schifezze sono dovute ai sindacati che hanno letteralmente rovinato l italia.

    Report

    Rispondi

    • selenikos

      09 Marzo 2015 - 09:09

      accusare qui i sindacati è davvero esilarante........bravo demidemi..........

      Report

      Rispondi

  • Happy1937

    09 Marzo 2015 - 07:07

    Tutti in galera! Fra l'altro mi sembra di aver letto che una buona parte di loro voli Oman, proprietaria di Ethiad a sua volta oggi padrona di Alitalia.

    Report

    Rispondi

    • selenikos

      09 Marzo 2015 - 09:09

      chi faq cose contro la legge venga perseguito.......comunque questi piloti non hanno certo trovato il secondo lavoro dopo che renzi è diventato premier......

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog