Cerca

Il bazooka del governatore

Bce, al via il quantitative easing: Mario Draghi acquista Btp italiani e Bund tedeschi

Mario Draghi

E' arrivato il giorno di Mario Draghi: inizia il quantitative easing della Bce. La Banca centrale inonda di liquidità i mercati e compra titoli di Stato: l'obiettivo è riportare il tasso di inflazione verso il 2 per cento. L'operazione di Francoforte riguarderà in particolare titoli di Stato, con acquisti per 60 miliardi di euro al mese. L'inenzione è proseguire almeno fino a settembre 2016, o comunque fino a quando l'inflazione invertirà la rotta e si riavvicinerà all'obiettivo del 2 per cento. In totale, Draghi, mette sul piatto un potenziale d'acquisto pari a 1.140 miliardi di euro.

Cosa si compra - Nel dettaglio l'operazione dell'Eurotower riguarderà gli Abs e le obbligazioni garantite, mentre un 12% finirà in titoli di istituzioni europee, ma la maggior parte degli acquisti riguarderà titoli di debito pubblico (che verranno acquistati soltanto sul mercato secondario per non violare il divieto di finanziamento monetario). Possibile anche l'acquisto di bond sovrani con rendimento negativo, ma non al di sotto del tasso Bce sui depositi, ad oggi pari al -0,20 per cento. Stando alle indiscrezioni rilanciate da Bloomberg, le prime operazioni effettuate dalla Bce sono state proprio l'acquisto di Btp italiani e Bund tedeschi.

Chi sta in regia - Il cosiddetto quantitative easing è a carico di Bce e istituti nazionali (questi ultimi si intestano l'80% dei rischi). A Francoforte, sede dell'Eurotower, opera una direttorato chiamato market operations del quale fanno parte circa 180 persone e che fa capo alla divisione Euro area bond markets: sarà proprio il market operations ad effettuare a livello tecnico e pratico il quantitative easing. Francoforte sorveglierà sugli istituti, monitorando il fatto che vengano rispettate le quote pari al capitale di ciascun paese nella Bce. Gli investimenti tagliano furoi la Grecia almeno fino a quando non verrà ripristinata la deroga sui bond di Atene.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • puma64007

    09 Marzo 2015 - 18:06

    Scusate l'ignoranza in materia, ma la BCE in pratica offre denaro in cambio di titoli di stato (che sono in fondo una sorta di cambiali, giusto?) che gli stati emettono in cambio del denaro ricevuto.. Ma tutti questi soldi che la Bce emette da dove provengono? A chi appartengono? hanno una tipografia dove stamparli? E chi è il proprietario della tipografia sopracitata?

    Report

    Rispondi

  • ciccetto

    09 Marzo 2015 - 15:03

    titoli tedeschi come primo acquisto ????? li negano a chi ne ha veramente bisogno e li danno alla superpotenza europea???!!!??? mah!

    Report

    Rispondi

blog