Cerca

Caos dichiarazioni

Fisco, verso lo slittamento dei pagamenti per 730 precompilato e Unico

Fisco, verso lo slittamento dei pagamenti per 730 precompilato e Unico

Già caos sulle dichiarazioni dei redditi precompilate. Secondo ItaliaOggi si va verso un rinvio delle scadenze per i pagamenti per 730 precompliato, previste per il 7 luglio, a causa delle difficoltà dei centri di assistenza fiscale a svolgere gli adempimenti necessari. Problemi anche per il modello Unico, il cui versamento di giugno potrebbe slittare a causa degli aggiustamenti agli studi di settore: in questo caso i versamenti scalerebbero ai primi di luglio e quelli con maggiorazione ai primi di agosto.

Invio a casa e studi di settore - Per il 730 precompilato (per cui è già stato pubblicato il video-tutorial) Agenzia delle Entrate e Sogei valutano un rinvio di non più di 15 giorni, anche per permettere ai Caf di fare salvi i conguagli di luglio e quindi non danneggiare i contribuenti. A complicare i piani sono arrivate lo scorso 20 febbraio le indicazioni del Garante della privacy, secondo cui per tutelare i dati fiscali dei contribuenti i Caf dovranno gestire un registro con le deleghe dei contribuenti e acquisirne i redditi relativi alle dichiarazioni dell'anno precedente. E' poi ancora una incognita il numero di contribuenti che deciderà di presentare il modello 730 in autonomia, senza cioè rivolgersi ai professionisti abilitati. Se in questo caso la dead line del 15 aprile per l'invio dei modelli precompilati è a rischio, sembra ancora più critica la questione studi di settore per l'Unico. In attesa della riunione annuale con Sose (società per gli studi di settore) del prossimo 9 aprile per inserire i nuovi correttivi anti-crisi, l'ipotesi più praticabile sembra quella di un rinvio definitivo per evitare l'emissione di software incompleti o da aggiornare in corso d'opera, che genererebbero ulteriore caos a ridosso dei pagamenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Oscar1954

    24 Marzo 2015 - 11:11

    Il solito casino all'Italiana. Complimenti ai ns. Ministri. Rompono i coglioni al comune mortale con raffiche di scadenze e sanzioni in caso di ritardato pagamento e invece loro hanno tutto il tempo che vogliono. Grazie imbecilli

    Report

    Rispondi

blog