Cerca

La novità

Conto corrente, si sposterà gratis da una banca all'altra

Conto corrente, si sposterà gratis da una banca all'altra

Una rivoluzione (positiva) sul conto in banca: per spostarlo da un istituto all'altro non si pagherà più. Trasferimento gratuito, dunque (e la novità vale anche per il conto di pagamento, come bancomat, bonifici, domiciliazioni). Il cambio dovrà avvenire in tempi certi e senza alcun addebito per il consumatore: è quanto stabilisce l'articolo 2 del decreto legge 3/2015 su banche e investimenti, convertito in legge in Senato martedì 24 marzo. Il decreto legifera in materia di portabilità dei conti di pagamento, ed è stato riscritto nel corso dell'esame parlamentare: l'ultima versione prevede l'estensione della portata delle esenzioni di spese a tutte le ipotesi di trasferimento dei servizi, anche quando l'originario conto corrente di appoggio non viene estinto.

L'applicazione - In caso di mancato rispetto delle nuove norme a tutela del consumatore, la banca inadempiente dovrà indennizzare il cliente in misura proporzionale al ritardo e alla disponibilità esistente sul conto di pagamento al momento della richiesta di trasferimento: l'importo dell'indennizzo deve ancora essere stabilito con un decreto ministeriale. La nuova norma, nel dettaglio, riguarda il trasferimento di ordini permanenti di bonifico, addebiti diretti ricorrenti e bonifici in entrata ricorrenti eseguiti sul conto di pagamento, o il trasferimento dell'eventuale saldo positivo da un conto di pagamento di origine a un conto di pagamento di destinazione, oppure entrambi (e questo sia che si chiuda oppure no il conto di origine).

I casi - Il trasferimento senza spese viene garantito tra i conti nella stessa valuta. Chi dovrà occuparsi a lato pratico del cambio, come sottolinea Italia Oggi, è la banca di destinazione su richiesta del consumatore, che dovrà rilasciare un'apposita autorizzazione. Se il conto è intestato a più di un titolare l'autorizzazione dovrà essere sottoscritta da ogni firmatario. Dopo la firma e la ricezione dei documenti la banca destinataria avrà 12 giorni lavorativi di tempo per completare il trasferimento. Sarà il consumatore che deve identificare i bonifici ricorrenti in entrata, gli ordini permanenti di bonifico e gli ordini relativi ad addebiti diretti per l'addebito in conto che dovranno essere trasferiti. Se gli operatori finanziari non dovessero osservare le modalità e i tempi del trasferimento si applicherà la sanzione prevista, ovvero una sanzione amministrativa pecuniaria da 5.150 a 64.555 euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antikitera2005

    14 Giugno 2015 - 14:02

    Pure io sono contento. Pensavo di fare uno spostamento. Giusto per la sicurezza eh.. A Singapore però...

    Report

    Rispondi

  • dadorso65

    08 Aprile 2015 - 11:11

    ma squsate, era già cosi da anni ...cosa fanoo al governo, leggi che già cisono ?

    Report

    Rispondi

blog