Cerca

L'intervista

Il presidente dell'Inps: taglieremo le pensioni

Il presidente Tito Boeri lo ha detto da subito, da quando è arrivato alla presidenza dell'Inps che avrebbe tagliato le pensioni alte. Adesso,  intervista dopo intervista. il presidente sta mettendo a fuoco e chiarendo questo concetto. Ieri ha ribadito che ci sono alcune pensioni  "non giustificate dai contributi". A chi le percepisce potranno essere tagliate a favore degli assegni di chi ha tra i 55 e i 65 anni. Ecco cosa aveva detto appena arrivato ai vertici dell'Inps: "Nel passato abbiamo fatto promesse previdenziali eccessive. Persone che andavano in pensione a 40-42-43 anni, in condizioni di salute ottime, potendo continuare a lavorare. E alle quali abbiamo garantito pensioni piene, cioè molto più di quanto avevano versato. Il peso di tutto questo l’hanno pagato e lo pagano i giovani. Un’iniquità pazzesca”. 

Giustizia -  Questa mattina, primo aprile, è stato intervista a Radio Anchi'io  e ha precisato: "È giusto chiedere ai pensionati che godono degli assegni più alti un contributo per aiutare chi versa in condizioni economiche disagiate, soprattutto coloro nella fascia di età tra i 55 e i 65 anni che sono esodati o hanno perso il lavoro poco prima dell’età della pensione. "Vogliamo aiutare queste persone sfortunate e vogliamo dare loro anche di più di quanto hanno versato", ha spiegato Boeri, che  non si sbilancia sulla soglia sopra la quale una pensione sarà considerata alta e quindi soggetta a possibili interventi. "È una scelta da fare con i numeri alla mano»" ha sottolineato il presidente dell’Inps, "ma al di sopra di questo importo credo sia giusto chiedere di dare un contributo alle persone che si trovano in situazioni di disagio. Moltissime persone non vengono aiutate», afferma Boeri, "ma spesso ai poveri si pensa poco, si danno trasferimenti a persone che non hanno bisogno di aiuti economici quando ci sono persone che sono davvero in condizioni di disagio economicom bisogna andare incontro a questo problema sociale, l’idea sarebbe dare un reddito minimo a queste persone", una proposta che potrebbe essere anche vista come un’anticipazione dell’assegno sociale.  

Generazioni a confronto - In Italia "c’è un problema generazionale grandissimo" in quanto i lavoratori che hanno ora intorno ai quarant’anni hanno spesso avuto carriere discontinue che potrebbero non garantire loro un trattamento pensionistico adeguato. "Per questo ho voluto fare questa campagna di informazione apprezzata da tutti, anche da quelli che con le
simulazioni si accorgono di avere pensione bassa", ha affermato Boeri, "è fondamentale dire la verità agli italiani, è la cosa migliore per rafforzare il patto intergenerazionale su cui
si basa un sistema pensionistico. A fine giugno faremo una proposta organica e complessiva di aggiustamento del sistema di assistenza e previdenza", ha ricordato Boeri che, a proposito della flessibilità in uscita, ha sottolineato che sarà necessario un confronto con la Commissione Europea perchè la misura "non avrà effetti suldebito ma sul disavanzo sì, quell’anno sarà più alto: siccome la Commissione Europea guarda al disavanzo, c’è un problema con la Commissione Europea". Il presidente dell’Inps è comunque sicuro che Bruxelles  capirà anche perchè l’Italia è l’unico paese ad aver lanciato un’operazione trasparenza come quella che consente di calcolare la propria pensione futura. 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • enzoferrobi

    11 Aprile 2015 - 23:11

    il discorso di Boeri non e fuori tema speriamo che si averi ,perche ci sono persone agli sgocioli molte di piu di quelle da lui previste ,si potrebbe fare ad esempio una nuova salvaguardia x quei tagliati fuori dalla precedente

    Report

    Rispondi

  • Gialdon

    11 Aprile 2015 - 03:03

    Pagare piu' di quanto i titolari avevano versato:: un'iniquita' pazzesca! Tagliare le pensioni alte in favore della fascia 45-55 anni, e' irrazionale. I livelli di poverta' non stanno in quella fascia d'eta. Sarebbe piu' logico ed efficace, se il taglio andasse a beneficio delle pensioni minime e di reversibilita', che dovreb- bero essere portate tutte a 1000 euro. Questo e' il vero aiuto!

    Report

    Rispondi

  • francesco assumma

    10 Aprile 2015 - 21:09

    Quanto ancora ne bisogna sentire da questi " dirigenti-amici " ( ...... ). Sarebbe bene prima di proporre dei tagli di contare prima fino a dieci. Segnalo a Boeri di parlare di tagli alle pensioni sopra i tre mila euro netti ed eliminare tutte le pensioni accumulate. Poi tagliare prima il suo lauto ed immeritato compenso eliminare 50% dei parlamentari 60% degli emolumenti, enti, spreghi ecc. ecc.

    Report

    Rispondi

  • lamarmora2

    10 Aprile 2015 - 20:08

    PARTE 3 - Ma allora dovremmo tagliare, come in Grecia è stato fatto, anche stipendi e altre uscite dello stato e in modo significativo! O forse non si vuole far credere questo, lo si tace, e si cerca di mascherare il tutto con un approccio come detto populista e neo-comunista, visti i “generatori” di queste idee?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog