Cerca

Scenari

Grecia verso la bancarotta: che cosa può succedere il 9 aprile

Grecia verso la bancarotta: che cosa può succedere il 9 aprile

Una data segnata col circoletto rosso. Dalla Grecia. Ma anche dall'Europa intera. Il 9 aprile: quel giorno, infatti, scadrà il prestito da 420 milioni di euro concesso dal Fondo monetario internazionale ad Atene. Se il prestito non venisse rimborsato per tempo - e l'ipotesi appare molto più che una possibilità - il Paese andrebbe in bancarotta. Il capolinea finanziario per Tsipars e compagni, dunque, è davvero vicino. L'allarme viene lanciato anche dal ministro degli Interni di Atene, Nikos Voutsis, che dalle colonne del tedesco Der Spiegel spiega: "Se i creditori internazionali non verseranno nuovi fondi ad Atene entro il 9 aprile la Grecia non rimborserà in tempo il Fmi. Dovremmo trovare un accordo per posticipare il pagamento e scongiurare il default sul debito. Abbiamo denaro sufficiente fino a metà aprile".

Lotta contro il tempo - Nel frattempo continuano le aspre trattative tra Tsipras e i vertici europei per sbloccare i fondi necessari. Da par suo, il ministro dell'Economia di Atene, George Stathakis (da non confondersi con il titolare delle Finanze, il celeberrimo Varoufakis), si mostra ottimista e convinto del fatto che la partita si chiuderà "nella settimana della Pasqua ortodossa". Ma per chiudere la partita l'Europa deve accettare il piano di Tsipras, che poche ore fa ha sottoposta agli sherpa dei ministri delle Finanze la lista delle nuove riforme. Si tratta di un plico di 26 pagine che prevedono interventi per 6 miliardi di euro. Misure che però le autorità continentali non reputano convincenti. Si tratta di una vera e propria lotta contro il tempo, e se la Grecia la perdesse evaporerebbero i 7,2 miliardi di aiuti che la Ue potrebbe sbloccare. Una possibile intesa potrebbe essere trovata tra il 24 e il 25 aprile, quando a Riga i ministeri delle Finanze terranno le riunioni informali di primavera. Una riunione che, però, si terrà dopo il fatidico 9 aprile fissato come deadline dal governo ellenico.

Scenari preoccupanti - Il vero quesito, dunque, è relativo a come Atene possa tener botta nella seconda metà del mese di aprile senza i fondi europei. E ancora Voutsis, il ministro dell'Interno, spiega di contare sugli 1,9 miliardi di euro del Fondo di salvataggio delle banche, nonché sugli 1,2 miliardi del fondo salva Stati Efsf. Inoltre la Grecia vorrebbe essere inclusa nel piano di quantitative easing lanciato dalla Bce di Mario Draghi. La Grecia, ad oggi, è rimasta fuori dal piano poiché non è stata rinnovata la deroga che permette all'Eurotower di ricevere in garanzia i bond greci, nonostante siano considerati "junk", ossia spazzatura. I tempi, dunque, sono strettissimi. Gli scenari mutevoli. E preoccupanti. Se fino al 9 aprile la situazione rimanesse cristallizzata, le conseguenze per l'Eurozona e per la moneta unica potrebbero essere imprevedibili.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Beggio

    04 Aprile 2015 - 00:12

    Io di commenti ne ho lasciati TRE, me li devo riprendere? Che ne dice Sig. BruttoPietro? (Accidenti, ho sbagliato ancora, dovevo scrivere "BellissimoPietro!)

    Report

    Rispondi

  • Beggio

    04 Aprile 2015 - 00:12

    Un commento per essere pubblicato deve piacere a Belpietro, deve essere leccato il cu... Grazie BruttoPietro. Alfio Lago

    Report

    Rispondi

  • Beggio

    04 Aprile 2015 - 00:12

    Ho lasciato un commento: Censurato!

    Report

    Rispondi

  • Beggio

    03 Aprile 2015 - 22:10

    Tante chiacchiere per nulla. La grecia (quasi certamente) ha la garanzia monetaria di Russia e Cina. Questo a dimostrare che non si tratta dell'immonda italietta (minuscolo d'obbligo). Ne vedremmo delle belle, bastano tre giorni e sarà fatta! Beggio

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog