Cerca

Consumatori

Def, occhio all'aumento dell'Iva: 842 euro di spesa in più a famiglia

Def, occhio all'aumento dell'Iva: 842 euro di spesa in più a famiglia

Una corsa contro il tempo (e i conti) per scongiurare l'aumento dell'Iva e una stangata da 842 euro a famiglia. Sono le associazioni dei consumatori Adusbef e Federconsumatori a lanciare l'allarme: se il governo non riuscisse ad eliminare dal Def l'attuazione delle clausole di salvaguardia, gli aumenti dell’Iva e delle accise, tra ricadute dirette e indirette, rischiano di comportare un aggravio pesantissimo sugli italiani.

Cosa crescerà, voce per voce - "Desta forte preoccupazione - denunciano le due associazioni - l'allarme circa la necessità del Governo di reperire le risorse necessarie (circa 10 miliardi) ad evitare l'attuazione delle famigerate clausole di salvaguardia". Tali clausole, calcolano Adusbef e Federconsumatori, "prevedono l'aumento dell'Iva dal 10 al 12% nel 2016, al 13% nel 2017 e dal 22 al 24% nel 2016, al 25% nel 2017 ed al 25,5% nel 2018", con un costo di 176 euro a famiglia nel 2016, di 90 euro nel 2017, cioè 266 euro, cui vanno aggiunti 461 euro per gli aumenti dell’Iva negli anni successivi e 28 euro per l'aumento delle accise sui carburanti. A questa stangata si dovrebbero poi aggiungere altri 87 euro delle ricadute indirette per l'aumento dell'Iva su gas, elettricità, più le accise sui carburanti che incidono su costi di produzione e costi di trasporto. Per un totale a regime, appunto, di 842 euro a famiglia.

"Meno sprechi e più lotta all'evasione" - "Un importo insostenibile - sostengono Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, i leader delle due associazioni - soprattutto in un momento delicato e difficile come quello che il Paese sta attraversando. Tale aggravio comporterebbe una ulteriore contrazione della domanda interna, con risvolti drammatici per l'intero sistema economico". "Per questo - concludono Trefiletti e Lanutti - è indispensabile che il governo agisca con prontezza e responsabilità, reperendo le risorse attraverso l'eliminazione di sprechi e privilegi, nonché attraverso il potenziamento della lotta all'evasione fiscale e facendo di tutto per evitare nuovi irresponsabili aumenti dell'Iva e delle accise".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gregio52

    07 Aprile 2015 - 16:04

    Naturalmente "fregare i soldi alla gente è costituzionale", toccare quello che per anni hanno ladrato questi politici di m.... è anticostituzionale. Sapete che penso, l'eliminazione fisica di questa massa di c...... è l'unica ancora di salvezza. Se invece vi sta bene essere presi per il c..., prego pendete dalle loro labbra.

    Report

    Rispondi

  • carlozani

    07 Aprile 2015 - 15:03

    E questo sarebbe il governo che lavora per il bene dei cittadini?Perchè non cercano di spendere meno e risparmiare di più? E' comodo far pagare di più alla gente per stare meglio loro.

    Report

    Rispondi

  • nick1990

    07 Aprile 2015 - 13:01

    l'altro anno avevano detto non aumentavano l'iva, invece hanno aumentato dall'iva tasi tari imu ecc... tagliate gli stipendi a tutti i politici sono una massa di incantatori.

    Report

    Rispondi

  • micael44

    07 Aprile 2015 - 11:11

    Continuo a chiedermi come si da a tenere per questa specie di mentecatto incantatore di serpenti!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog