Cerca

Liturgia fiscale

Occhio allo spesometro, ecco come non farsi incastrare

Occhio allo spesometro, ecco come non farsi incastrare

Venerdì prossimo, 10 aprile, si compie il primo rito della nuova liturgia fiscale che ha spostato dai redditi al tenore di vita dei contribuenti il terreno di ricerca degli evasori. Non è il primo anno che accade: l’obbligo di inviare i dati per gli acquisti superiori ai 3.600 euro è scattato nel 2014 per le spese effettuate nel 2013. Di nuovo, semmai, c’è che lo spesometro messo a punto dall’Amministrazione fiscale è ampiamente rodato e funzionerà presumibilmente come un orologio svizzero.
Il meccanismo è semplice: anziché cercare gli evasori lavorando sui redditi, l’Agenzia delle entrate lavora sulle spese. Per lo meno quelle che individuano un tenore di vita potenzialmente elevato. Per questo vengono censiti gli acquisti superiori ai 3mila euro più Iva. Auto, moto, vestiti e calzature, vacanze, ma anche mobili e arredi, gioielli, iscrizioni a circoli sportivi e palestre: nel momento in cui il contribuente acquista uno di questi prodotti o servizi, il venditore è obbligato a registrarne l’identità e memorizzare l’operazione. L’elenco di queste transazioni viene trasmesso annualmente all’Anagrafe tributaria. Il 10 aprile sono tenuti a effettuare la comunicazione gli operatori economici che liquidano l’Iva mensilmente. Il 20 quanti effettuano la liquidazione trimestrale.
Di per sé un acquisto che superi la soglia oltre la quale scatta la segnalazione obbligatoria non rappresenta un rischio per il contribuente. Lo diventa però nel momento in cui il suo tenore di vita non è sostenibile con i redditi dichiarati. E proprio dall’incrocio fra le spese sostenute e i guadagni dichiarati l’Agenzia delle entrate parte per effettuare i controlli. A quel punto è bene farsi trovare pronti per giustificare le spese eccedenti il proprio reddito. Prestiti o regali da amici o parenti, eredità, perfino vincite a lotterie: la regola è di tenere traccia di quanto si è incassato per «finanziare» ogni spesa che ecceda i 3600 euro. Ad esempio il bonifico ricevuto dalla nonna o da papà per coprire l’anticipo dell’auto, o il prestito ottenuto da un conoscente per acquistare l’arredamento della nuova casa: i giustificativi delle somme ricevute devono essere custoditi accuratamente. Pronti per essere presentati al Fisco.
Evitare assolutamente le elargizioni in contanti: qualunque somma si riceva, a titolo di prestito o di regalia, è bene farla transitare dal conto corrente, chiedendo a chi la versa, di indicare in chiaro, nel bonifico, pure la causale.
Dati ufficiali non ce ne sono, ma secondo le indiscrezioni non confermate ma neppure smentite almeno un accertamento su tre, fra quelli che si sono conclusi con un recupero d’evasione, è scattato proprio dalla spia rossa accesa dallo spesometro. In tutto, lo scorso anno, le operazioni segnalate sono state 400mila.
L’obbligo della comunicazione vale per tutti tranne che per la Pubblica amministrazione. Sono tenuti a inviare al Fisco la «comunicazione polivalente» - così si definisce nel burocratese la trasmissione dei dati all’Anagrafe tributaria - tutti i soggetti che abbiano venduto beni o servizi per importi superiori ai 3.600 euro. Quindi imprese, professionisti, commercianti e artigiani, a prescindere dalla classe dimensionale dell’attività svolta e dai ricavi annui. Non è necessario che la prestazione sia stata fatturata: rientrano nel campo di applicazione del nuovo strumento anche le vendite regolate con l’emissione di un semplice scontrino fiscale, come nel caso dei negozi.
Entro il 30 aprile gli operatori finanziari, vale a finanziarie che erogano credito al consumo, dovranno poi segnalare gli acquisti pagati con bancomat o carta di credito, sempre d’importo superiore ai 3.600 euro. Un’ulteriore livello di accertamento i cui dati potranno essere incrociati con quelli trasmessi da negozianti, artigiani, agenzie di viaggio autosaloni e via dicendo. Oltre ai dati su «chi» ha comperato «cosa», il Fisco può partire anche dalla transazione finanziaria con cui è stato regolato l’acquisto.
C’è poi una ulteriore fonte di dati alla quale l’Amministrazione finanziaria può far ricorso per incrociare i redditi dichiarati dai contribuenti con le spese sostenute. Si tratta dell’autodenuncia relativa al bonus mobili, prorogato dall’ultima Finanziaria a tutto il 2015.
Vi rientrano tutti gli acquisti di arredi ed elettrodomestici con la possibilità di detrarli dall’Irpef fino al 50%, con un tetto massimo di spesa pari a 10mila euro.
Oltre alle transazioni effettuate dai privati cittadini, rientrano nello spesometro pure quelle che avvengono fra titolari di partita Iva, tra imprese e imprese, come quelle che coinvolgono aziende da un lato e professionisti dall’altro. Le cosiddette operazioni business to business.
Nel momento in cui dovesse scattare l’accertamento, che solitamente inizia con una «comunicazione bonaria» inviata dall’Agenzia delle entrate, il contribuente è tenuto a dimostrare le eventuali fonti di reddito aggiuntivo, rispetto a quello dichiarato, che gli hanno permesso di effettuare un acquisto altrimenti non sostenibile.

di Attilio Barbieri

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Oscar1954

    11 Aprile 2015 - 11:11

    Pagare le giuste tasse è a cosa giiusta e doverosa per ogni cittadino. Ma pagare questa montagna di tasse a dei LADRI e FARABUTTI, è veramente deplorevole

    Report

    Rispondi

  • zhoe248

    08 Aprile 2015 - 08:08

    Ma è normale che in un paese civile e democratico (a parole a quanto pare) sia lo Stato a farmi la denuncia dei redditi? Ma che ne sa e come si permette? L'ennesima presa x i fondelli è che ce la vogliono pure far passare come "semplificazione"!! Al caf e dal commercialista ci si andava già senza questa aberrazione.Roba da soviet! Roba da matti! Ma gli italiani si sono davvero così rammolliti?

    Report

    Rispondi

    • mallardogiulio

      08 Aprile 2015 - 21:09

      non sono rammolliti,ma coglioni basta vedere quanti sorridono e fanno foto,e Renzi cammina tutto impettito e fare sorrisi.intanto sotto a quel sorriso pensa di fottere la gente.ricordatevi,compagno tu lavori e io magno.

      Report

      Rispondi

    • Bolinastretta

      08 Aprile 2015 - 11:11

      pensa che non solo sono "rammolliti" a quanto pare sono talmente succubi del Parolaio sbrodolante di cazzate DA PONTASSIEVE, che la maggioranza (di chi si reca ancora alle urne) lo voterebbe!! se poi vogliamo vedere che IN REALTA' questa è la minoranza degli aventi diritto AL VOTO ...é altro discorso!!

      Report

      Rispondi

      • zhoe248

        08 Aprile 2015 - 16:04

        Il primo problema è proprio questo: la maggioranza degli italiani moderati e non di sx crede di "punire" la politica non andando a votare. Questo errato atteggiamento consente alla minoramza di sx di appropriarsi del potere assoluto e renderci sudditi in uno stato di polizia. Votate x chi vi pare ma andate a votare, è l'unico segnale di partecipazione e presenza che possiamo mandare alla politica.

        Report

        Rispondi

        • binettiraffaele

          11 Aprile 2015 - 16:04

          Il problema è sistemico. Di questi ciarlatani purtroppo non se ne salva uno e non si capisce a chi dare il voto. Una bella pulizia non sarebbe male per il bene del paese, ma cosa si può fare se questi esimi ladroni hanno il sedere fortemente radicato alle comodissime poltrone. Le geometrie poliche non interessano più a nessuno. La corruzione dilagante non si misura con il righello!

          Report

          Rispondi

  • carlo1956

    08 Aprile 2015 - 07:07

    Se non è uno stato di polizia fiscale, ditemi cos'è, Italiani evasori a tutti i costi per questi ladri della finanza, provassero a spulciare tra di loro, ne scoprirebbero delle belle.

    Report

    Rispondi

  • MorettiA

    07 Aprile 2015 - 19:07

    Piuttosto di giustificare le mie spese vado in galera a vita !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog