Cerca

La novità

Assicurazioni auto, niente più tagliando sui parabrezza: contro gli evasori arrivano i nuovi autovelox

Assicurazioni auto, niente più tagliando sui parabrezza: contro gli evasori arrivano i nuovi autovelox

Gli automobilisti possono dire addio al tagliando dell'assicurazione sul parabrezza e salutare una nuova stagione di battaglie legali per la pioggia di multe che potrebbe cadere con le ultime novità del ministero dei trasporti. Entro il 18 aprile tutte le compagnie assicurative dovrano adeguare i propri database ed essere pronte a comunicare subito all'archivio digitale delle forze dell'ordine la sottoscrizione di una polizza associata alla targa dell'assicurato. Di conseguenza anche gli organi di controllo dovranno aggiornare tutti gli strumenti elettronici perché siano in grado di "leggere" le targhe e individuare eventuali evasori.

Nuovi strumenti - Telecamere, tutor e autovelox potranno scoprire se un'automobile è coperta o meno dalla Rca, anche se sul parabrezza non è esposto nulla. Secondo i dati dell'Ania, riportati da La Stampa, in Italia circolano circa 3 milioni e mezzo di veicoli non assicurati, più o meno l'8% del totale con il picco al sud del 13%. Nel decreto liberalizzazioni del 2012 sono indicate le tappe per la dematerializzazione del tagliando assicurativo e del relativo aggiornamento dei controlli che potranno rilevare anche se si è in regola con la revisione dell'auto e con il pagamento del bollo.

Le multe - Già in alcuni comuni, gli agenti di polizia locale utilizzano il Targa system che attraverso la stessa targa rileva eventuali infrazioni. Ma sarà da ottobre che partirà la vera rivoluzione, con telecamere e autovelox impiegate anche senza la presenza di un agente. Chi viene beccato senza copertura assicurativa rischia multe da 841 a 3.366 euro con il sequestro del veicolo.

La falla - Ma secondo Rossella Sebastiani, del servizio normativa auto di Ania, l'associazione di categoria delle assicurazioni, la legge ha ancora una falla che potrebbe intasare gli uffici dei giudici di pace. Senza una modifica del Codice della strada le novità saranno tutte inutili, visto che ancora oggi i "sistemi di controllo del traffico dove non c'è presenza umana, come appunto gli autovelox - spiega Sebastiani - non possono essere impiegati per sanzionare chi non è assicurato, se contemporaneamente non viene commessa un'altra infrazione, per esempio l'eccesso di velocità".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aldo delli carri

    13 Maggio 2015 - 19:07

    questo governo è solamente un piazzista, fa solamente propaganda, non passerà nessun provvedimento che per diventare legge non è sufficiente l'approvazione delle commissioni di camera e senato ma il parlamento o come al solito il decreto legge...piazzisti

    Report

    Rispondi

  • mallardogiulio

    13 Maggio 2015 - 18:06

    e inutile protestare con le parole bisogna agire,non avete ancora capito che da Monti in poi e stata importata la Stasi per chi non lo sa era il servizio segreto del'ex germania comunista ormai manca solo il cesso a essere controllato e voi continuate a parlare e dare voti a questi sinistroidi di merda almeno state zitti e continuate a fare i coglioni che vi sta bene.

    Report

    Rispondi

  • miacis

    30 Aprile 2015 - 15:03

    Sembra che rompere i koglioni ai cittadini al fine di fare cassa sia una delle attvità preferite dalle amministrazioni.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    11 Aprile 2015 - 22:10

    Le solite fregnacce all'italiana.Non esiste un autovelox che sia in grado di stabilire se un veicolo è assicurato o meno.Per saperlo occorre consultare il data base dell'assicurazione cui il veicolo è iscritto.Fregatura possibile?Un falso database creato ad hoc.Se prima circolavano automezzi con contrassegno taroccato,non sarà un problema farli viaggiare con un altro taroccato digitalmente.

    Report

    Rispondi

    • lentini.gaetano

      13 Aprile 2015 - 12:12

      ma ti rendi conto della vaccata da ignorante che hai appena detto?? Come faccio a taroccare un database dell'assicurazione? Dovrebbe esserci un attacco hacker, tu sogni e parli...

      Report

      Rispondi

      • allianz

        15 Giugno 2015 - 01:01

        Appunto...Basta un hacker di quelli buoni ed il gioco è fatto.E' sufficiente introdurre i dati.Mi pare che l'ignorante in questo caso sia lei.Saluti.

        Report

        Rispondi

Mostra più commenti

blog