Cerca

Super bollette sulla luce e il gas: ecco quando si può non pagare

Super bollette sulla luce e il gas: ecco quando si può non pagare

Capita. Arriva una bolletta ed è una botta pazzesca. Centinaia e centinaia di euro (quando non migliaia) per la luce o il gas. Si chiama "conguaglio". Ovvero una fattura con la quale le compagnie energetiche si "mettono in pari" (dal loro punto di vista, ovviamente) per arretrati che ritengono dovuti. Da queste "bollette pazze" ci si puù difendere, in determinate circostanze. Come, lo spiega l'Aduc (Associazione per i diritti degli utenti e dei consumatori) a Italia Oggi. I casi più frequenti di inadempimento del fornitore del servizio sono due: o perchè omette di effettuare le periodiche letture del contatore o perchè non emette le bollette a scadenze periodiche.

L'Autorità per l'energia elettrica e il gas, ha stabilito le cadenze periodiche alle quali i fornitori del servizio sono obbligati a effettuare rilevazioni effettive dei consumi degli utenti: per il gas la lettura deve essere effettuata una volta l'anno con consumi annui inferiori a 500 smc e due volte l'anno per consumi tra i 500 e i 5000 smc/annui per i contratti in maggior tutela; per la fornitura in libero mercato, deve essere il contratto a regolamentare la periodicità delle forniture. Per l'energia elettrica, la lettura deve essere effettuata almeno una volta al mese in caso di contatore elettronico con rilevamento della lettura a distanza e una volta all'anno in caso di contatore tradizionale.

Ebbeene, in caso di letture dei consumi non effettuate nelle scdenze previste, il credito vantato dal fornitore del servizio si prescrive nel termine di cinque anni, che decorre dal momento in cui il fornitore piò (e deve) operare la lettura dei contatori per mezzo dei propri operatori. Si ritiene comunque che il fornitore del servizio sia legittimato a dimostrare di non aver potuto effettuare la lettura periodica per causa ad esso non imputabile, ad esempio perchè il contatore non sia risultato accessibile.

Il consumatore ha poi il diritto di ricevere  a cadenza costante le bollette dei consumi. Per l'energia elettrica, l'utente in maggior tutela ha diritto a fatture con cadenza bimestrale, mentre quello del mercato libero dovrà fare riferimento al contratto. Per il gas, l'utente ha diritto  se in  maggior tutela a fatture quadrimestrali per consumi fino a 500 smc e a fatture trimestrali per consumi tra 500 e 5.000 smc. In ogni caso, ha poi diritto a ottenere la rateizzazione di quanto dovuto a conguaglio per l'intero periodo di mancato recapito delle fatture relative ai consumi effettuati, purchè ne faccia richiesta prima della scadenza di pagamento della bolletta di conguaglio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Ludero

    23 Aprile 2015 - 15:03

    Magari si potesse non pagare, con Enel mi sono arrivate diverse sorprese, per questo poi ho deciso di cambiare fornitore! (edison)

    Report

    Rispondi

  • GIORGIOPEIRE@GMAIL.COM

    GIORGIOPEIRE

    21 Aprile 2015 - 07:07

    Inutile leggere le bollette luce e gas, sono piene di tasse e sovratasse.

    Report

    Rispondi

  • Vittori0

    20 Aprile 2015 - 17:05

    Ci mancava pure la presa per il naso da un ente inutile "Autorità per l' Energia Elettrica e per il Gas"se si evitassero i mantenimenti per questi enti ne avremmo beneficio!!!

    Report

    Rispondi

    • aldo delli carri

      20 Aprile 2015 - 20:08

      bravo, ci mancano questi altri parassiti sui costi delle bollette...come il sig. cantone, senza alcuna autorità ancora non ci fa sapere quanto è il suo triplo stipendio....

      Report

      Rispondi

  • marcomasiero

    20 Aprile 2015 - 14:02

    basta essere clandestino o zingaro !!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog