Cerca

La proposta dell'Inps

Pensioni, Tito Boeri propone un reddito minimo garantito per le fasce di età tra i 55 e i 65 anni

Pensioni, Tito Boeri propone un reddito minimo garantito per le fasce di età tra i 55 e i 65 anni

Un reddito minimo garantito per i disoccupati tra i 55 ai 65 anni. Lo propone il presidente dell'Inps Tito Boeri che a giugno presenterà una proposta al governo: "Non credo che dare loro un trasferimento, che sarà basso esponga queste persone al rischio di non mettersi in cerca di un lavoro". Stando ai dati dell'ente previdenziale, infatti, le persone di quelle fasce d'età: "difficilmente trovano un nuovo impiego", ci riescono non più del 10%. Già nel suo intervento a Ballarò su Raitre, Boeri aveva richiamato l'attenzione sulla generazione nata tra il 1950 e il 1960, vittima secondo lui di forti disuguaglianze: "Ci sono delle persone che hanno delle pensioni molto alte - ha detto da Massimo Giannini - che non sono giustificate dai contributi che hanno versato durante l'arco della vita lavorativa". I fondi per il reddito minimo garantito agli over 55 potrebbero nascere aumentando le tasse a chi percepisce una pensione più alta: "Si può chiedere a queste persone - riporta il Sole 24 ore - di poter dare qualcosa per contrastare la povertà, soprattutto nella fascia 55-65 anni. Vogliamo per queste generazioni trovare un modo per contrastare la povertà e dare la possibilità di andare in pensione prima in modo sostenibile, quindi avendo una pensione più bassa".

Il governo - La linea di Boeri però è destinata a scontrarsi contro il muro del ministro del Lavoro Giuliano Poletti, che già lo scorso 15 aprile in Parlamento aveva allontanato l'ipotesi di aumentare le tasse sulle pensioni superiori ai 2 mila euro, anzi in quella occasione Poletti aveva richiamato Boeri a stare al suo posto: "L'Inps è uno strumento importante a supporto dell'azione del governo e del parlamento. Fa elaborazioni interessanti - ha aggiunto Poletti - ma il lavoro comunque compete al governo". E la linea per il ministro rimane quella illustrata anche da Matteo Renzi, che non ha nessuna intenzione di toccare le spese della previdenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wilegio

    wilegio

    23 Aprile 2015 - 23:11

    Fatemi capire... io ho 68 anni, versamenti (quelli registrati, in realtà sarebbero molti di più) per 16 anni, moglie con un reddito di 1000 €/mese. Devo morire? Secondo l'inps sì: non ho diritto a niente. Dovrei separarmi legalmente da mia moglie... dopo 37 anni di matrimonio, per aver diritto a 510 €/mese... forse. In quale categoria rientrerei, secondo voi?

    Report

    Rispondi

  • wall

    21 Aprile 2015 - 14:02

    Vi siete impazziti all'INPS!!! Ma con quali soldi? Ma ha chi volete dare questo reddito minimo garantito; a tutto il mondo ? Il reddito minimo garantito si fa con il lavoro di una vita e non gratis all'italiana. Prima di pensarle sistemate invece chi deve andare in pensione e non può farlo con la legge della disgrazia Fornero!! Il reddito minimo garantito fatelo con le rendite parlamentari.

    Report

    Rispondi

  • Gialdon

    21 Aprile 2015 - 02:02

    Perche' solo tra i 55 e i 65 anni e non gia' a tutti dopo i 55 anni?

    Report

    Rispondi

  • gianni_s

    20 Aprile 2015 - 20:08

    Vatt a cuccà, siente a me.

    Report

    Rispondi

blog