Cerca

L'allarme

Cgia Mestre, l'Italia ha ancora 12 miliardi di fondi strutturali da usare ma rischia di perderli

Cgia Mestre, l'Italia ha ancora 12 miliardi di fondi strutturali da usare ma rischia di perderli

L'Italia ha utilizzato solo 35,4 miliardi di euro dei 47,3 messi a disposizione dai Fondi strutturali. Dobbiamo ancora utilizzare 12 miliardi, in fretta, perché c'è il rischio di buttarli al vento. E' quanto emerge dalla ricognizione effettuata dall'Ufficio studi della Cgia di Mestre al 28 febbraio scorso. La maggior parte di questi 47,3 miliardi di euro, spiega la Cgia, arriva dall'Unione europea e fa parte della Programmazione 2007-2013. Inoltre, si segnala che l'incidenza dei finanziamenti utilizzati fino a ora sul totale dei contributi assegnati, che include anche il cofinanziamento nazionale, ha raggiunto il 74,8 per cento. "Per non perdere 12 miliardi di fondi europei e nazionali - segnala il segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi - dovremo spenderli e
rendicontarli entro la fine del 2015, scadenza che difficilmente l'Ue prorogherà. Alla luce del fatto che nel 2013 abbiamo rendicontato 5,7 miliardi e nel 2014 attorno ai 7,5, appare difficile che nei pochi mesi che rimangono alla fine di quest'anno riusciremo a spendere e a contabilizzare tutta questa dozzina di miliardi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Misereremeidomi

    03 Maggio 2015 - 09:09

    Meglio perderli che indebitarsi con l'UE. Stiamo già pagando un prezzo altissimo per i fondi utilizzati in precedenza. Occorre piuttosto recuperare sovranità nazionale (Draghi: "Bisogna cedere sovranità"), congelare il debito, e rimborsarlo con un programma di rientro a lungo termine. In tempi di vacche magre (PIL decrescente) solo lo strozzino continua a fare credito.

    Report

    Rispondi

  • Misereremeidomi

    03 Maggio 2015 - 09:09

    Meglio perderli che indebitarsi con l'UE. Stiamo già pagando un prezzo altissimo per i fondi utilizzati in precedenza. Occorre pittosto recuperare sovranità nazionale (Draghi: "Bisogna cedere sovranità"), congelare il debito, e rimborsarlo con un programma di rientro a lungo termine. In tempi di vacche magre (PIL decrescente) solo lo strozzino continua a fare credito.

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    03 Maggio 2015 - 07:07

    Non occorre altro per provare l'imbecillità di tutti i governi che si sono succeduti in Italia.

    Report

    Rispondi

blog